PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Milano, le startup nascono tutte qua

13 Giugno 2019 · Giorgia Pacione Di Bello · 2 min

  • Nella Top 10 della città ci sono: Milano, Roma, Napoli, Torino, Bologna, Bari, Salerno, Verona e Bergamo

  • Il 55,4 % delle startup risulta avere più uscite che entrate, mentre il 44,6% segna invece un utile di esercizio

Secondo l’ultimo report di Unioncamere e il Ministero dello sviluppo economico Milano continua ad essere la città dove nascono il maggior numero di startup, seguita da Roma e Napoli

Milano regina per le startup. A fine settembre 2018 le nuove società erano pari a 1.687, il 17,3% sul totale nazionale. Al secondo posto c’è Roma con 969, il 9,9%, seguita da Napoli con 344 (3,5%) e Torino con 319 (3,5%). Nella Top 10 troviamo anche Bologna, Padova, Bari, Salerno, Verona e Bergamo. Analizzando invece i dati di Unioncamere e del Ministero dello sviluppo economico, emerge come sotto il profilo occupazionale, a fine settembre 2018, risultano essere presenti 3.966 startup innovative con almeno un dipendente (40,6% contro il 40,2% della precedenza rilevazione). Il totale degli addetti risulta invece essere in calo rispetto a tre mesi fa (369 in meno). Questo ha portato ad un decremento del numero medio di dipendenti per startup, oggi pari a 3,2 contro i 3,4 di tre mesi prima. Se si considerano le startup con almeno cinque anni di vita, il numero di occupati sale sensibilmente, stabilizzandosi a 6,1 lavoratori per impresa. Se si passa al lato finanziario, bisogna prima precisare come i dati di bilancio attualmente disponibili, relativi al 2917, coprono solo il 60,3% delle startup (5.885 su 9.764). Nei restanti casi le imprese non hanno ancora depositato il loro primo bilancio, essendo nate nel 2018, oppure i dati non sono stati ancora archiviati nel registro informatico del Registro delle imprese. Tenendo conto di questi dati, il valore della produzione media per impresa nell’esercizio 2017 risulta essere pari a circa 155 mila euro, dato in diminuzione rispetto al trimestre precedente (13mila euro in meno, +7,5%). L’attivo medio è pari a 290 mila euro per startup innovativa (dato in calo di circa 13.000 euro rispetto alla precedente rilevazione, -4,5%). Considerando, infine, la produzione complessiva, questa risulta essere pari a 911.775.318 euro, un dato inferiore di 49 milioni di euro (- 5,1%) rispetto a quello registrato al termine del trimestre precedente (961.108.649 euro).

Emerge inoltre come il dato sul valore mediano della produzione risulta essere pari a 29.156 euro, un valore significativamente più basso rispetto alla media. Secondo il report questo sarebbe  “un ulteriore segnale del fatto che la maggioranza delle startup innovative registrate sono imprese molto piccole, in una fase embrionale di sviluppo, che in genere non hanno ancora trovato sbocchi di mercato”.

Altro dato che caratterizza il mondo delle startup innovative è l’essere in perdita. Il 55,4 % risulta infatti avere più uscite che entrate, mentre il 44,6% segna invece un utile di esercizio. “Com’è fisiologico – si legge nella ricerca- per imprese a elevato contenuto tecnologico, che hanno tempi più lunghi di accesso al mercato, l’incidenza delle società in perdita tra le startup innovative risulta sensibilmente più elevata rispetto a quella rilevabile tra le società non innovative, comunque pari al 33%”.

L’indice di indipendenza finanziaria delle startup innovative risulta invece essere inferiore rispetto a quello registrato dalle altre nuove imprese non innovative (0,31 contro 0,42). La differenza è lievemente più pronunciata se si considerano soltanto le startup innovative e le società di capitali in utile (0,29 contro 0,45). Per ogni euro di produzione le startup innovative generano in media 24 centesimi di valore aggiunto, un dato inferiore rispetto a quello delle altre società (26 centesimi). Ancora una volta, limitandosi alle imprese in utile, le startup generano per contro più valore aggiunto sul valore totale della produzione rispetto alle società di capitali: 38 centesimi contro 28.

 

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: