PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Corre l'innovazione: l' Italia verso le 9mila startup

Corre l'innovazione: l' Italia verso le 9mila startup

Salva
Salva
Condividi
Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri

06 Giugno 2018
Salva
  • 15a edizione del rapporto trimestrale sulle startup innovative italiane realizzato dal Ministero e InfoCamere

  • Quasi 9mila le startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese

  • I numeri delle startup innovative

Cresce il numero di startup innovative in Italia, sfiorate le 9mila unità. I principali dati emersi dal rapporto trimestrale sulle startup innovative, realizzato congiuntamente da Ministero e InfoCamere

Un salto importante per l’innovazione made in Italy. Sono esattamente 8897 le startup innovative che, al 31 marzo 2018, risultano iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese (ai sensi del decreto legge 179/2012). Rispetto alla fine dello scorso anno, un aumento pari a 506 unità (+6%).

Lo si legge online nella 15a edizione del report trimestrale sui trend demografici e le performance economiche delle startup innovative italiane, a cura del Ministero e di InfoCamere , in collaborazione con Unioncamere.

Di seguito alcune tra le principali evidenze del rapporto.

Le startup innovative, se paragonate alle altre società di recente costituzione, mostrano una maggiore propensione all’investimento: il rapporto tra immobilizzazioni e attivo patrimoniale è infatti pari al 27,7% contro il 4,33% delle altre neo imprese.

In forte crescita è il capitale sociale sottoscritto complessivamente dalle startup, a quota 499 mln di euro (+18% t/t).

Per quanto riguarda la distribuzione per settori di attività, il peso delle startup che forniscono servizi alle imprese, questo è pari al 71,3%,  seguono il settore manifatturiero (19%) e del commercio (4,1%).

L’incidenza delle neo imprese innovative sul totale delle nuove società̀ di capitali varia significativamente a seconda del settore. Tra le società che operano nel comparto dei servizi alle imprese il 7,4% è una startup innovativa mentre per il manifatturiero il 4,5%. Se poi, si prende come riferimento la classificazione delle attività economiche Ateco 2007 le percentuali lievitano notevolmente:l’ incidenza  nel settore dello sviluppo di software è pari al 32,2% e in quello della ricerca e sviluppo addirittura del 65,6% .

Guardando alla geografia, la regione della Lombardia rimane in pole position, ospitando  più di duemila startup innovative quasi un quarto del totale nazionale. Un primo posto conquistato grazie a Milano, di gran lunga la provincia in cui è localizzato il numero più elevato di startup innovative. A seguire sul podio Lazio, (10,2%), ed Emilia-Romagna (9,9%). Fanalino di coda Molise e Valle d’Aosta.

Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Imprese e startup