PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Italia nella top 5 europea per densità di imprese

Italia nella top 5 europea per densità di imprese

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

11 Aprile 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Secondo il report di Istat, Germania e Francia presentano valori più bassi della media del continente (47,8) mentre la Spagna la supera di circa 10 punti

  • Il Centro-Nord si caratterizza per un rapporto molto elevato di imprese (79,4 per mille abitanti) e un numero di addetti (4,2) superiore alla media del Paese

  • La propensione all’imprenditorialità è più elevata nel Mezzogiorno (36%)

Il rapporto Noi Italia di Istat certifica che il Paese è tra i primi 5 a livello europeo con la più alta densità di attività produttive. Nel 2016 erano presenti 72,4 imprese ogni mille abitanti

Le imprese italiane sono sempre di più. Secondo il rapporto Noi Italia  pubbicato oggi dall’Istat, nel 2016 in Italia erano presenti 72,4 imprese ogni mille abitanti. Un dato molto al di sopra della media europea (47,8) e che colloca l’Italia tra i primi cinque Paesi in Europa per densità di attività produttive. Tra i principali partner, Germania e Francia presentano valori più bassi della media del continente (47,8) mentre la Spagna la supera di circa 10 punti.

La dimensione media delle imprese italiane rimane sostanzialmente stabile sotto i 4 addetti contro i 5,8 della media europea. Solo Grecia, Slovacchia, Repubblica Ceca e Portogallo presentano dimensioni inferiori a quella italiana. È il Centro-Nord a segnare il primato a livello nazionale, caratterizzandosi per un rapporto molto elevato di imprese (79,4 per mille abitanti) e un numero di addetti (4,2) superiore alla media del Paese. Il Mezzogiorno ha invece una dimensione media aziendale più bassa (2,8).

Il report di Istat scatta anche una fotografia dell’imprenditorialità del Paese. Secondo l’istituto di statistica l’incidenza dei lavoratori indipendenti sul totale dei lavoratori delle imprese continua a ridursi (29,2%), anche se rimane più che doppia rispetto alla media dell’Unione europea (13,2%) e seconda solo alla Grecia. Tra le maggiori economie dell’area, Germania e Francia presentano quote molto più contenute e inferiori al 9%. La propensione all’imprenditorialità è più elevata nel Mezzogiorno (36%).

Le istituzioni non profit rappresentano lo spaccato più dinamico del sistema produttivo italiano: nel 2016 il rapporto sulla popolazione residente è di quasi 57 istituzioni ogni 10 mila abitanti (50,7 nel 2011).Il Nord-est registra l’incidenza maggiore, 68,2 istituzioni ogni 10 mila abitanti, all’opposto il Mezzogiorno (44,1).

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Imprese e startup Imprese