PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

La figura degli angel investor: tra “mito” e prassi

La figura degli angel investor: tra “mito” e prassi

Salva
Salva
Condividi
Andrea Messuti
Andrea Messuti

11 Gennaio 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Secondo una recente indagine pubblicata dall’Associazione Iban, il volume complessivo dell’angel investing in Italia sarebbe in crescita e avrebbe superato quello francese. Chi sono i business angel e che ruolo hanno nell’ecosistema delle startup?

Un business angel o angel investor, in linea generale, è un soggetto che investe nel capitale di rischio di una società utilizzando risorse proprie. È una persona fisica che ha sviluppato una significativa esperienza in specifici settori in qualità di imprenditore, professionista o manager e che, appassionatosi a un progetto, decide di contribuire al suo avvio e sviluppo iniziale attraverso investimenti di piccolo taglio.

Operando secondo presupposti e logiche diverse dagli operatori più istituzionali, non è infrequente trovare in un progetto di investimento un angel investor in sindacazione con altre persone al fine di sfruttare strategie aggreganti pur mantenendo contenuta l’esposizione al rischio del fallimento dell’operazione.

Nella prassi commerciale si riscontrano ormai diversi tipi di business angel. Le differenze sono principalmente dovute alla provenienza, agli obiettivi, all’ammontare complessivo investito e al posizionamento nella linea di sviluppo della società. A prescindere dalle catalogazioni, può senz’altro affermarsi, in linea di massima, che si tratta essenzialmente di investitori verticalizzati sulla fase dell’early stage a copertura di un vuoto finanziario storicamente esistente tra i founder, family and friend (seed) e i venture capitalist (later stage).

Malgrado si tenda spesso a degradare il business angel a un investitore minore, è tuttavia importante ricordare come questa figura sia centrale per ciò che attiene anche e soprattutto all’offerta di un’alta specializzazione tecnica e di un portafoglio di relazioni in una fase della vita della startup generalmente caratterizzata da un alto grado di entropia e dall’assenza di significative strategie di sviluppo.

Tale circostanza sembra essere stata finalmente colta con il recente decreto attuativo dell’art. 38, comma 3, del cosiddetto Decreto Rilancio, al quale va senz’altro il merito e il plauso di aver elevato questo investitore al rango di investitore qualificato a segnalare al Fondo rilancio di Cdp Venture Capital le startup e le pmi innovative in cui investire, ruolo che viene condiviso con acceleratori e incubatori, family office e investitori regolamentati. Un’occasione, questa, sicuramente importante anche per il tentativo di definire in modo più chiaro i contorni di questa figura oggi intesa quale investitore con “investimenti attivi e un track record consolidato nel settore del venture capital nonché competenze, professionalità e capacità organizzative ed economiche adeguate per supportare i progetti di sviluppo delle imprese target definiti nell’ambito dell’operazioni di investimento del fondo. A tal fine si presume che la partecipazione consolidata ad associazioni di categoria italiane o estere costituisca indice del possesso da parte del business angel dei richiesti requisiti di competenza, professionalità e capacità organizzative”.

Si tratta, com’è evidente, di un fondamentale passo avanti nell’evoluzione del settore, che conferma – anche attraverso i numeri di Iban – l’attenzione e l’entusiasmo dell’ecosistema delle startup per una figura da tempo centrale nella crescita dell’impresa.

 

(Articolo scritto in collaborazione con Stefano Giannone Codiglione di Lca Studio Legale)

Andrea Messuti
Andrea Messuti
È avvocato e partner di Lca Studio Legale, dove coordina il team di Emerging companies & venture capital. È specializzato in operazioni di M&A e venture capital e in operazioni sui mercati dei capitali nazionali o stranieri (con particolare riferimento alle Ipo nei settori tech e life science). Assiste clienti italiani e internazionali operanti in diversi settori industriali e tecnologici.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Imprese e startupItalia