PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Cdp, Elite e Leonardo insieme per una crescita sostenibile

Cdp, Elite e Leonardo insieme per una crescita sostenibile

Salva
Salva
Condividi
Rita Annunziata
Rita Annunziata

06 Maggio 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Presentata “Elite Leonardo Lounge”, la prima classe di fornitori di Leonardo che entrano a far parte della piattaforma Elite

  • L’accordo prevede la possibilità per i fornitori che aderiscono al programma di strutturare i propri piani di crescita ed espansione, migliorando la solidità dei propri business e delle proprie performance

  • “È un percorso non solo di facilitazione nell’accesso alla finanza, ma che vuole spingere le imprese alla crescita dimensionale”, commenta Marcella Panucci, direttore generale di Confindustria

Siglato un protocollo d’intesa tra Cdp, Elite e Leonardo per la crescita sostenibile delle aziende appartenenti alla filiera di fornitori Aerospazio e Difesa. Raffaele Jerusalmi, amministratore delegato di Borsa Italiana, commenta: “La formazione è fondamentale. Oggi è la scommessa giusta”.

Cassa depositi e prestiti, Elite e Leonardo hanno siglato un protocollo di intesa dedicato alla crescita sostenibile delle aziende della filiera di fornitori Aerospazio e Difesa di Leonardo.
L’obiettivo dell’accordo è quello di avviare una collaborazione fra le parti per stimolare l’accelerazione dei piani di sviluppo dei fornitori, mettendo a loro disposizione strumenti finanziari e non.

Luca Peyrano, amministratore delegato di Elite

“È un modello di successo in Italia molto innovativo. Non esiste qualcosa di simile in Europa, e siamo orgogliosi di proseguire sul solco dell’innovazione. Si differenzia rispetto al comune percorso di Elite perché designato sulle esigenze di una filiera specifica e di un grande operatore che vuole migliorare il rapporto con la sua base di fornitori strategici”, commenta Luca Peyrano, amministratore delegato di Elite.

Parte la prima classe “Elite Leonardo Lounge”

A Palazzo Mezzanotte, in Borsa Italiana, è stata presentata “Elite Leonardo Lounge”, la prima classe di fornitori di Leonardo che entrano a far parte della piattaforma Elite. Si tratta di 22 aziende provenienti da 11 regioni italiane, che operano in tre settori di business (industria aerospaziale e difesa, hardware e strumenti informatici e industria aerospaziale e difesa chimica) ma, soprattutto, con tagli dimensionali diversi.

Marco Zoff, chief procurement and supply chain officer di Leonardo

“Volutamente con Elite abbiamo scelto di derogare gli standard dimensionali, perché ci sono in alcuni casi aziende piccole ma che secondo noi possono crescere”, spiega Marco Zoff, chief procurement and supply chain officer di Leonardo.

L’accordo con Elite, in particolare, prevede la possibilità per i fornitori che aderiscono al programma di strutturare i propri piani di crescita ed espansione, migliorando la solidità dei propri business e delle proprie performance. Una crescita, dunque, non solo dimensionale, ma anche e soprattutto qualitativa, che possa contribuire a sua volta a sviluppare la competitività del nostro Paese.

Nunzio Tartaglia, Responsabile Direzione Cassa Depositi e Prestiti Imprese

“Piccolo non è più sempre bello. La dimensione aziendale rappresenta un tema fondante della capacità competitiva delle aziende e tutti i soggetti devono porsi delle domande a riguardo”, aggiunge Nunzio Tartaglia, responsabile direzione Cassa Depositi e Prestiti Imprese.

La partnership è sostenuta anche da Confindustria, con la quale Elite condivide l’obiettivo di supportare le principali imprese italiane, attraverso un processo di sviluppo manageriale e organizzativo. “Le imprese italiane devono finanziare attività di pre e post-produzione, quindi hanno bisogno di capitali. Le banche da sole non sono in grado di fornirli. Elite ha avuto un ruolo fondamentale in questa fase – commenta Marcella Panucci, direttore generale di Confindustria – È un percorso non solo di facilitazione nell’accesso alla finanza, ma che vuole spingere le imprese alla crescita dimensionale. Le piccole dimensioni non sono belle di per sé, ma rappresentano solo una fase iniziale delle imprese che poi devono puntare a crescere”.

Non solo finanziamenti, ma anche formazione

“Oggi siamo qui insieme – Cassa depositi e prestiti e Confindustria – per dare un ulteriore supporto alla catena della fornitura sotto il profilo della formazione su tre dimensioni: la governance, i rapporti con il sistema finanziario e l’internazionalizzazione dell’impresa”, aggiunge Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo. Nel 2018, infatti, Leonardo ha dato il via a un programma di analisi dell’attività con i propri fornitori definito “LEAP2020”, con la finalità di rendere la propria catena di fornitura sostenibile nel medio-lungo periodo ma, soprattutto, più solida e in grado di competere sul mercato internazionale.

“L’Italia è un Paese dove la necessità di avere delle scuole è una necessità vera. Riteniamo che Elite si sia posta proprio in quest’ottica: aiutare le imprese a dotarsi di quegli strumenti per accedere al mercato di capitali e dotarsi di una forma di acculturamento che in altre aziende prima non era presente”, dichiara infine Raffaele Jerusalmi, presidente di Elite e amministratore delegato di Borsa Italiana, che poi conclude dicendo: “Oggi questa è la scommessa giusta”.

Rita Annunziata
Rita Annunziata
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Imprese e startup Borsa Italiana