PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Sempre più investimenti domestici per gli Hnwi della Cina

Sempre più investimenti domestici per gli Hnwi della Cina

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

14 Giugno 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Le regioni di Guangdong, Shanghai, Pechino, Jiangsu, Zhejiang e Shandong a fine 2018 hanno beneficiato degli investimenti di oltre 100.000 Hnwi

  • A fine 2018 il numero di Hnwi cinesi che può effettuare investimenti superiori ai 10 milioni di yuan ha toccato quota 1,97 milioni

  • Secondo il report gli Hnwi cinesi a fine 2019 saranno 2,2 milioni, con a disposizione fondi per 68.000 miliardi di yuan

Gli investimenti degli Hnwi della Cina si stanno spostando verso il mercato domestico. Secondo il China Private Wealth Report pubblicato da Bain & Company e dalla China Merchants Bank il trend è destinato ad aumentare

La Cina alla conquista del mondo? Non quando si tratta di investimenti. Il numero di individui cinesi con un certo patrimonio finanziario da anni è infatti in crescita costante. Ma contemporaneamente è in aumento il numero di super ricchi di Pechino che sceglie di allocare le proprie risorse sul mercato interno.

Secondo il China Private Wealth Report pubblicato da Bain & Company e dalla China Merchants Bank, il numero di cinesi High net worth individuals (Hnwi), che dispone di un livello di liquidità disponibile per gli investimenti superiore ai 10 milioni di yuan (pari a circa 1,45 milioni di dollari statunitensi), ha toccato quota 1,97 milioni a fine 2018. Questi milionari dispongono complessivamente di 61.000 miliardi di yuan, pari a una crescita annua del 12%.

Sempre secondo il rapporto, i super ricchi cinesi stanno spostando il focus del proprio investimento sul mercato interno, dopo che l’accesso da parte di capitali esteri sta creando nuove opportunità. Un totale di 23 regioni della provincia, per esempio, a fine 2018 disponeva degli investimenti di oltre 20.000 Hnwi locali, mentre Guangdong, Shanghai, Pechino, Jiangsu, Zhejiang e Shandong ne avevano ciascuna oltre 100.000.

Secondo Jennifer Zeng, partner di Bain & Company a Hong Kong e capo dell’ufficio servizi finanziari in Greater China, i clienti del private banking si stanno orientando verso un’allocazione più bilanciata e pretendono servizi di asset management professionali. Da quanto emerge ancora dal report si prevede che il mercato cinese degli investimenti finanziari manterrà nel 2019 un ritmo di crescita stabile e che gli Hnwi a fine anno saranno 2,2 milioni, con a disposizione fondi per 68.000 miliardi di yuan. Entrambi i dati rappresenterebbero un incremento dell’11%.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Società e Istituzioni Cina