PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Reti: in crescita gli investimenti sul risparmio gestito

04 Maggio 2018 · Teresa Scarale

  • Assoreti evidenzia il successo del risparmio gestito in Italia. I dati si riferiscono al mese di marzo 2018.

  • La crescita dei volumi di raccolta sui prodotti del risparmio gestito arriva da due canali.

A marzo 2018 la raccolta netta positiva per le reti di consulenti finanziari, abilitati all’offerta fuori sede, è stata pari a 2,4 miliardi di euro

Le reti vincono. Nella sua ultima relazione Assoreti rileva che a marzo 2018 la raccolta netta positiva per le reti di consulenti finanziari, abilitati all’offerta fuori sede, è stata pari a 2,4 miliardi di euro.

Dal report si evince che il 76% degli investimenti netti confluiscono sul risparmio gestito. Su di essi vengono convogliate risorse nette pari a poco meno di 1,9 miliardi di euro, in aumento del 5,8% rispetto ai risultati realizzati nel mese di febbraio. Viceversa diminuisce la raccolta netta sui prodotti in regime amministrato. Si tratta di un valore pari a 584 milioni di euro, ossia pari ad un terzo di quanto conseguito nel secondo mese dell’anno.

La crescita dei volumi di raccolta sui prodotti del risparmio gestito arriva da due canali. Primo, dalla distribuzione diretta di quote di OICR, positiva per 940 milioni di euro (+16,2%). Secondo, dall’attività realizzata sui prodotti assicurativi, con premi netti complessivi pari a 842 milioni di euro (+18,1%). C’è un altro particolare. Nell’ambito degli organismi di investimento collettivo del risparmio, si evidenzia l’incremento delle sottoscrizioni nette realizzate sulle gestioni collettive di diritto italiano (190 milioni di euro). Mentre nel comparto assicurativo la crescita arriva dalle polizze vita tradizionali (354 milioni di euro), più che raddoppiate rispetto al mese di febbraio.

Dinamica opposta si riscontra, invece, sulle gestioni patrimoniali individuali con una flessione dei volumi di raccolta che coinvolge sia le GPF sia le GPM.
Il contributo mensile delle reti al sistema di OICR aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, si attesta, pertanto, su un ammontare di 1,5 miliardi di euro. Il che è pari al 49% delle risorse nette totali confluite nel sistema fondi (3,0 miliardi di euro). Da inizio anno l’apporto delle reti sale, così, a 4,1 miliardi di euro, rappresentando circa il 48% degli investimenti netti complessivi realizzati sulle gestioni collettive aperte (8,5 miliardi di euro).

La ricerca di Assoreti evidenzia infine che la raccolta netta realizzata sui titoli in regime amministrato è positiva per 444 milioni di euro. Gli investimenti netti si concentrano principalmente sui titoli azionari (532 milioni di euro) mentre gli ordinativi di vendita prevalgono sui titoli di Stato (-158 milioni). La raccolta di risparmio sotto forma di liquidità è positiva per 139 milioni di euro.
A fine mese i clienti primi intestatari dei contratti salgono a 4,106 milioni. Il numero di consulenti finanziari abilitati all’o.f.s., con mandato dalle società rientranti nell’indagine dell’Assoreti, è pari a 22.541 unità (2 Per l’intera compagine. di questi, 22.220 unità risultano effettivamente operative (con portafoglio > 0).

Teresa Scarale
Teresa Scarale
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: