PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Poste Italiane è l’astro nascente del risparmio gestito in Italia

21 Maggio 2018 · Livia Caivano

  • Grazie a una copertura di oltre il 90% del territorio, la rete è in grado di raggiungere 34 milioni di clienti

  • Nel primo trimestre del 2018 Poste ha gestito masse per 514 milardi di euro

  • Dopo la partnership con Anima, entra in gioco anche Eurizon

Si fa sempre più accesa la concorrenza nel mondo del risparmio gestito. Oltre al mondo bancario fanno ormai parte del gioco anche Poste Italiane che per il 2022 puntano ai 581 miliardi

La rete di Poste dispone di 12.800 mila sportelli postali, fino a coprire il 96% del territorio nazionale e ha già collocato asset per 506 miliardi di euro di cui oltre 3 milioni nel comparto private (più di 500 mila euro in portafoglio) e affluent (portafogli dai 75 ai 500 mila euro). Dopo Anima Holding, che ha da poco rinnovato la partnership con Poste Italiane, è il gruppo Intesa a puntare sul nuovo fenomeno del risparmio gestito. Attraverso la Sgr Eurizon, Intesa comincerà infatti a distribuire il fondo “BancoPosta Orizzonte Reddito”.

Il primo trimestre del 2018 della rete, per i 30% ancora a partecipazione statale, si chiude con utile di 485 milioni di euro, in crescita del 38% rispetto all’anno scorso. Salgono anche ricavi e risultato operativo ma è la raccolta netta a mostrare i primi veri frutti del piano strategico quinquennale lanciato a febbraio, Deliver 2022: 4,4 miliardi di euro e masse gestite a 514 miliardi. “Nel resto del 2018 il Gruppo si concentrerà sulla valorizzazione del risparmio gestito”, si legge in una nota di Poste Italiane. Obiettivo per il 2020? Masse per 581 miliardi.

Secondo l’amministratore delegato Matteo Del Fante, “gli accordi di distribuzione stretti di recente ampliano la gamma di prodotti che siamo in grado di offrire attraverso la nostra rete ai nostri 34 milioni di clienti. La completa attuazione del nuovo modello di recapito permetterà a Poste Italiane di sfruttare al meglio la rapida crescita della logistica legata all’ecommerce”.

La rete di Poste Italiane, estesa su tutto il territorio e in maniera tanto capillare, può costituire la marcia in più in fatto di rendimenti in un momento storico di mercati così incerti da rendere la concorrenza tra greti sempre più spietata.

Livia Caivano
Livia Caivano
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: