PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Mediobanca, primo trimestre in crescita del 10%

Mediobanca, primo trimestre in crescita del 10%

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

24 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Utile netto settembre 2019: 271 milioni di euro

  • Crescita degli impieghi: + 6% rispetto a settembre 2019 e +1% rispetto al trimestre precedente a 45 miliardi

  • ROTE: 10%

Mediobanca si focalizza su attività a elevata specializzazione e marginalità, la cui crescita deriva anche dalla dotazione di capitale

I conti del primo trimestre dell’esercizio 2019-2020 di Mediobanca battono le attese. L’istituto registra un utile netto ai massimi degli ultimi tre anni, in aumento del 10% a 271 milioni di euro rispetto a settembre 2018. Le stime degli analisti parlavano di 250 milioni. I ricavi aumentano del 5% sull’anno a 684 milioni di euro, battendo anche in questo caso le stime ( 680 milioni).

Il margine di intermediazione è aumentato del 7,3% a 684,2 milioni di euro con margine di interesse a 359,1 milioni, in crescita del 4,4% e altri proventi a 154,9 milioni – in calo in questo caso dello 0,1%. Anche i costi sono più bassi delle attese e toccano quota 282,6 milioni, ma crescono del 4,1%. Il rapporto cost/income scende al 41,3%. Il cet1 phase-in è del 14,2%, in crescita dell’8% rispetto al trimestre precedente. Crescono del 3% rispetto al 2018 i dipendenti.

Il costo del rischio si mantiene su livelli contenuti e assorbe senza impatti significativi la nuova definizione più restrittiva di attività deteriorate, nello specifico le rettifiche su crediti salgono del 10,7% (da 58,8 a 65,1 milioni) e riflettono l’incremento del Consumer (65,4 milioni contro 56,9 milioni), in linea con l’ultimo trimestre. Per contro calano le rettifiche dello Specialty Finance (da 6,4 a 3,4 milioni) in quanto legate all’andamento dei sovraincassi su npl. Le riprese nette sul Wholesale restano stabili a 10,1 milioni, così come l’andamento deglialtri comparti.

Wealth management

La divisione Wealth Management chiude con utile netto di 19,7 milioni in aumento del 15,9% rispetto allo scorso anno (17 milioni) dopo ricavi per 140,2 milioni (in crescita del 3,5%) equamente distribuiti tra margine di interesse (+7,3%, a 68,9 milioni) e commissioni (stabili a 69,5 milioni).

Le masse della clientela crescono a 39,8 miliardi (+6% sull’anno e +2% sul trimestre) e sono suddivise in 11,1 miliardi facenti capo a CheBanca!, 17,5 miliardi relativi al Private Banking  e 11,2 miliardi alle fabbriche prodotto.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Reti Mediobanca Banche