PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Banca Mediolanum, raccolta di due miliardi nell’ultimo semestre

Banca Mediolanum, raccolta di due miliardi nell’ultimo semestre

Salva
Salva
Condividi
Rita Annunziata
Rita Annunziata

31 Luglio 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • L’utile netto consolidato si attesta a 171 milioni, contro i 175 milioni dei primi sei mesi dello scorso anno

  • Numeri da record per le masse gestite e amministrate, salite a 80.345 milioni, in aumento dell’8% rispetto alla fine del 2018

  • Il numero totale di clienti sul mercato italiano si attesta a 1.266.400

Banca Mediolanum chiude il primo semestre del 2019 con una raccolta netta totale di circa due miliardi. Dati in linea rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, ma leggermente in calo. Aumenta il numero di clienti sul mercato italiano

Banca Mediolanum chiude il primo semestre del 2019 con una raccolta tendenzialmente in linea rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, ma leggermente in calo. Secondo i risultati diffusi dal Consiglio di Amministrazione del Gruppo, riunitosi a Basiglio, la raccolta netta totale è stata positiva per circa 2,035 miliardi, ma in discesa rispetto ai 2,1 miliardi del 2018.

Tali dati evidenziano non solo il lavoro di stabilizzazione dei ricavi alle loro spalle, ma anche la “qualità di prodotti e soluzioni ad alto valore aggiunto per la clientela”, come si legge nella nota. Sulla stessa linea d’onda, infatti, anche l’utile netto consolidato, con 171,3 milioni a fronte dei 175 milioni del primo semestre del 2018. Salto decisamente in avanti per il margine operativo, che si attesta a 196 milioni, registrando un aumento del 41%. Secondo il Gruppo, a tal proposito, l’aumento dei ricavi ricorrenti ha sopperito ai minori effetti di mercato registrati negli ultimi sei mesi. Se da un lato le commissioni nette hanno raggiunto +24% con 402 milioni, dall’altro il margine da interessi è cresciuto del 28% (112 milioni) a causa dell’aumento degli impieghi alla clientela retail e alle attività di tesoreria.

Numeri da record, invece, per le masse gestite e amministrate: con 80.345 milioni, hanno raggiunto un aumento del 5% in un mese (rispetto al 30 giugno 2018) e dell’8% in relazione alla fine del 2018, complice il recupero dei mercati dei primi mesi del 2019.

Focus sulle attività del mercato italiano

E il mercato italiano? Il calo della raccolta in questo caso sembra essere più significativo. Se la raccolta netta totale del primo semestre del 2018 era stata positiva per 1.822 milioni, oggi sono stati raggiunti 1.706 milioni, di cui 1.238 milioni in risparmio gestito. Aumenta piuttosto il numero dei clienti, che al 30 giugno 2019 sono 1.266.400, in crescita rispetto ai 1.230.600 circa del 30 giugno del 2018. Allo stesso modo, gli impieghi alla clientela retail si attestano sui 9.077 milioni, in crescita del 15% rispetto al mese di giugno 2018 e dell’8% rispetto alla fine dell’anno. In calo, invece, il numero di family banker: 4.167 contro i 4.249 dello scorso anno.

Mercati esteri positivi

Ultimo sguardo d’insieme poi sui mercati esteri. L’utile netto è in crescita rispetto al primo semestre del 2018, attestandosi sui 4 milioni a fronte dei 3,1 milioni dello scorso anno. In aumento anche le masse gestite e amministrate, che risultano pari a 6.131 milioni, in crescita dell’11% rispetto al 30 giugno 2018 (5.540 milioni). Positiva, infine, anche la raccolta netta: raggiunti i 330 milioni totali, di cui 189 milioni in risparmio gestito.

Rita Annunziata
Rita Annunziata
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Reti Banca Mediolanum Europa
ALTRI ARTICOLI SU "Reti"
ALTRI ARTICOLI SU "Banca Mediolanum"
ALTRI ARTICOLI SU "Europa"