PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Banca Generali: a febbraio raccolta di 539 milioni

Banca Generali: a febbraio raccolta di 539 milioni

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

06 Marzo 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • La raccolta amministrata ha mostrato una dinamica sostenuta con una raccolta di 166 milioni (245 milioni da inizio anno) quasi interamente impiegata nelle nuove emissioni di prodotti strutturati e cartolarizzazioni

  • A questo si aggiunge il fatto che Natixis investment managers (Im) ha ampliato la propria partnership con Banca Generali, rafforzando ulteriormente la propria capacità distributiva in Italia

Banca generali chiude il mese di febbraio chiude con una raccolta di 539 milioni di euro. La componente gestita ha evidenziato una accelerazione rispetto al mese precedente

A febbraio Banca Generali ha registrato una raccolta totale pari a 539 milioni, sfiorando il miliardo nei soli primi due mesi del 2020. La componente gestita ha evidenziato una accelerazione rispetto al mese precedente in tutte le sue componenti più innovative: la nuova Sicav Lux Im ha infatti catalizzato l’attenzione nel gestito con 282 milioni nel mese portando il totale da inizio anno a 448 milioni mentre il nuovi contenitori assicurativi, Bg stile libero e Lux protection life, hanno raccolto 118 milioni nel mese per un totale di 217 milioni da inizio anno.

Anche la raccolta amministrata ha mostrato una dinamica sostenuta con una raccolta di 166 milioni (245 milioni da inizio anno) quasi interamente impiegata nelle nuove emissioni di prodotti strutturati e cartolarizzazioni. La volatilità dei mercati finanziari ha favorito la raccolta in depositi per 147 milioni (363 milioni da inizio anno), in attesa delle migliori opportunità da parte della clientela per riqualificare gli investimenti. Infine, a febbraio i contratti di consulenza evoluta (Advisory) hanno raggiunto i 4.9 miliardi di masse, con un progresso di 200 milioni da inizio anno.

Una partenza d’anno molto solida nonostante le crescenti complessità e le incertezze che si registrano sui mercati e le preoccupazioni di noi tutti per l’evoluzione del coronavirus. Quasi un miliardo di raccolta in due mesi in questo contesto rappresenta un risultato ragguardevole, frutto del lavoro quotidiano e costante dei nostri banker al fianco delle famiglie nella protezione e diversificazione dei patrimoni. La versatilità e le possibilità di personalizzazione delle nostre soluzioni si dimostrano particolarmente efficaci in questo momento storico e lo sforzo fatto nell’approccio digitale per dialogare ed operare in remoto ci garantisce continuità operativa e commerciale anche in situazioni di stress. La qualità dei nostri banker, l’approccio molto diversificato e la forza del Brand ci rendono fiduciosi sulla capacità di continuare a sovraperformare il mercato di riferimento nei prossimi mesi” dichiara l’Amministratore delegato e direttore generale di Banca generali, Gian Maria Mossa.

A questo si aggiunge il fatto che Natixis investment managers (Im) amplia la propria partnership con Banca Generali, rafforzando ulteriormente la propria capacità distributiva in Italia. Banca Generali è la prima banca private del nostro Paese, con 69 miliardi di euro di masse in gestione (dati al 31.12.2019) e già collocatore di altri strumenti gestiti da Natixis Im, tra cui i fondi gestiti da H2O Asset management, e offre via soluzioni contenitore vari strumenti gestiti dalle società del gruppo Natixis Im tra cui Loomis Sayles, Seeyond e Ostrum Asset management. L’ampliamento dell’accordo prevede adesso per la prima volta il collocamento diretto sulla piattaforma di Banca Generali Private di sei dei fondi della gamma azionaria ed obbligazionaria gestita da Mirova. Con 12.5 miliardi euro in gestione, Mirova è la società del gruppo Natixis Investment Managers esclusivamente dedicata alla gestione degli investimenti sostenibili, tematici ed ad impatto sociale ed ambientale, pioniere storicamente presente nel settore ed internazionalmente riconosciuta per l’impegno istituzionale al fine di promuovere modelli economici più sostenibili, una riduzione carbon footprint dei portafogli al di sotto limiti dell’accordo di Parigi (Paris climate 2015) con tutte le strategie ed una maggiore trasparenza nella reportistica sull’impatto prodotto dai propri investimenti ai clienti. Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg) sono al centro di tutte le strategie di Mirova.

“L’ampliamento della partnership con Banca Generali in particolare sui temi legati agli investimenti sostenibili su cui siamo attivi da oltre trenta anni con la nostra affiliata Mirova è d’importanza fondamentale e rappresenta il tassello più recente di un percorso di ampliamento degli accordi distributivi siglati durante gli ultimi mesi dal gruppo Natixis IM con le principali reti presenti sul mercato retail e private italiano. Investire in un modello economico più sostenibile vuol dire scegliere di partecipare virtuosamente alla crescita di aziende con prospettive di crescita di lungo periodo e caratterizzate da elevati standard Esg, ben posizionate per essere vincenti domani conciliando impegno sociale e ambientale con performance finanziaria. Farlo con partrner importanti vuol dire contribuire ad accelerare questa trasformazione.” conclude Antonio Bottillo, Country head ed executive managing director di Natixis investment managers in Italia.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Reti Banca Generali Italia
ALTRI ARTICOLI SU "Reti"
ALTRI ARTICOLI SU "Banca Generali"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"