PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Intesa Sanpaolo, al via il nuovo hub europeo del private banking

Intesa Sanpaolo, al via il nuovo hub europeo del private banking

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

01 Febbraio 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Continua la crescita internazionale del Gruppo bancario. Brasile, Argentina e Bahrein sono le aree che verranno potenziate

  • A guidare il nuovo hub saranno Christian Merle, come Presidente del consiglio di amministrazione e Marco Longo, in qualità di presidente del comitato esecutivo

Nasce intesa Sanpaolo private banking (Suisse) S.A Morval S.A che coordierà tutte le attività internazionali del private banking del Gruppo

Al via un nuovo hub europeo del private banking in Svizzera made Intesa Sanpaolo, che si occuperà di coordinare tutte le attività internazionali. La conclusione del processo di fusione avviato nell’ agosto del 2017, tra Intesa Sanpaolo private banking (Suisse) S.A e Banque Morval S.A, ha fatto nascereIntesa Sanpaolo private bank (Suisse) Morval S.A. con la sede legale a Ginevra in Rue Charles- Galland.

La nuova società proseguirà il percorso di crescita internazionale già avviato da Fideuram Intesa Sanpaolo private banking diversi anni fa. Paolo Molesini, Amministratore delegato di Fideuram di Intesa Sanpaolo private banking, ha infatti dichiarato come “Intesa Sanpaolo private bank (Suisse) Morval nasce con l’obiettivo di contribuire al disegno strategico delineato nel piano d’impresa 2018 – 2021 della divisione private di Intesa Sanpaolo: diventare una delle prime cinque private bank in Europa e la seconda nell’Eurozona per masse gestite, con l’obiettivo di un flusso di raccolta netta gestita pari a 55 miliardi di euro al 2021”. La spinta all’internazionalizzazione risulta dunque essere forte e ben delineata dal Gruppo. C’è infatti la volontà di potenziare la presenza in Brasile, Uruguay, Argentina e Bahrein. Asia e Sud America rimangono dunque i focus principali, per due motivi. In primis perché in questi Paesi il Gruppo ha già degli uffici di rappresentanza o comunque si sta attrezzando per ottenere le varie autorizzazioni. E in secondo perché in questi luoghi risulta esserci una forte presenza di italiani con forti legami con l’Italia.

Ma attenzione perché lo shopping di Intesa Sanpaolo a livello internazionale potrebbe però non essere finito. Carlo Messina, Amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, intervistato da Bloomberg Television, ha infatti dichiarato come per quanto riguarda ilrisparmio gestito, dopo lo stop alle trattative per l’integrazione tra Eurizon e Blackrock, Intesa potrebbe “considerare alcune possibili combinazioni in futuro ma oggi lo spread btp-bund sta impattando le valutazioni e nella mia opinione non è equo per gli azionisti fare qualsiasi tipo di analisi di possibili aggregazioni”.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Private BankingIntesa SanpaoloEuropa
ALTRI ARTICOLI SU "Private Banking"
ALTRI ARTICOLI SU "Intesa Sanpaolo"
ALTRI ARTICOLI SU "Europa"