PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Fideuram Ispb: raccolta in crescita del 32%

Fideuram Ispb: raccolta in crescita del 32%

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

14 Agosto 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • “Nel primo semestre del 2020  abbiamo attraversato un’emergenza sanitaria ed una fase di incertezza economica senza precedenti, che hanno influito sulle scelte di investimento della clientela”, dichiara Tommaso Corcos, Amministratore delegato e direttore generale di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking

  • La raccolta netta di risparmio gestito ha evidenziato una dinamica in graduale significativa ripresa a partire dal mese di aprile, attestandosi a 1,6 miliardi alla fine del semestre

Nei primi sei mesi dell’anno Fiduram – Intesa Sanpaolo Private Banking, ha realizzato una raccolta netta pari a 6 miliardi di euro (+32%). L’utile netto consolidato è risultato invece essere pari 419 milioni, in flessione (-8%) rispetto al primo semestre del 2019

Una crescita del 32% nella raccolta netta, con un risultato per i primi sei mesi pari a 6 miliardi di euro.

Questi i risultati registrati da Intesa Sanpaolo private banking  nei primi sei mesi del 2020. L’analisi per aggregati mostra che la raccolta si è prevalentemente indirizzata verso la componente di risparmio amministrato (4,4 miliardi) riflettendo un orientamento più conservativo dei flussi di risparmio soprattutto nel primo trimestre dell’anno. La raccolta netta di risparmio gestito ha evidenziato una dinamica in graduale significativa ripresa a partire dal mese di aprile, attestandosi a 1,6 miliardi alla fine del semestre. Dato in aumento rispetto all’analogo periodo del 2019 (0,2 miliardi). L’utile netto consolidato è risultato pari 419 milioni, in flessione (-8%) rispetto al primo semestre del 2019, principalmente a seguito di un aumento delle rettifiche di valore nette su crediti e delle imposte sul reddito. Il risultato della raccolta netta di Fideuram pb non è da sottovalutare se si considerano anche gli altri risutlati ottenuti da Mediolanum (5 mld), Fineco (4,7 mld), Banca Generali (2,8 mld), Azimut (1,8 mld), Che Banca (2,6 mld) e IWBank (301 mln). Alla fine di giugno 2020 le masse amministrate erano pari a 239,3 miliardi, in marginale flessione (-1%) rispetto al 31 dicembre 2019 (242,7 miliardi) e in crescita di oltre 10 miliardi (+4%) rispetto a quelle al 30 giugno 2019 (229,2 miliardi).

L’evoluzione delle masse rispetto alla fine del 2019 è attribuibile alla performance di mercato che, a fine giugno, ha risentito significativamente dell’incertezza derivante dalla diffusione globale dell’epidemia Covid-19 incidendo in maniera sfavorevole sui patrimoni. Tale effetto è stato parzialmente mitigato dall’eccellente risultato di raccolta netta conseguito dalle reti di private banker. L’analisi per aggregati evidenzia che la componente di risparmio gestito è risultata pari a 160,9 miliardi, pari ad oltre 67% delle masse amministrate. Mentre al 30 giugno 2020 il numero complessivo dei private banker delle Reti risultava pari a 5.801, con un portafoglio medio pro-capite pari a circa 41 milioni.

Passando all’ analisi dei principali aggregati del conto economico, i dati evidenziano come nel primo semestre dell’esercizio le commissioni nette sono risultate pari a 840 milioni, in linea con il saldo di 843 milioni registrato nel primo semestre 2019. Le commissioni nette ricorrenti, componente predominante (circa 93%) del margine commissionale, sono risultate pari a 779 milioni, in marginale contrazione (-1%) rispetto all’analogo periodo del 2019 per effetto di un product mix leggermente meno favorevole, solo in parte compensato dalla crescita delle masse medie di risparmio gestito che, nonostante la forte correzione dei mercati avvenuta nel corso del primo trimestre dell’anno, sono risultate superiori a quelle del primo semestre 2019.

I costi operativi netti, pari a 291 milioni, sono rimasti sostanzialmente in linea (+2 milioni) rispetto al corrispondente periodo dell’anno scorso. L’analisi di dettaglio evidenzia che le spese del personale, pari a 164 milioni, si sono ridotte di 7 milioni, in particolare per l’accentramento di alcune funzioni di controllo presso Intesa Sanpaolo a decorrere dal 1° settembre 2019. A fronte di ciò, le altre spese amministrative, pari a 98 milioni, hanno registrato un incremento di  7 milioni per effetto dell’aumento del contratto di service con la stessa Intesa Sanpaolo connesso alle funzioni accentrate e, in misura minore, per maggiori spese informatiche e di info-provider. Le rettifiche di valore nette su attività materiali e immateriali hanno segnato un saldo pari a 29 milioni, in aumento di 2 milioni per maggiori ammortamenti di software. Il cost/income ratio è risultato stabile al 30%, mantenendosi su livelli di eccellenza assoluta. Mentre l’utile netto consolidato è risultato pari 419 milioni, in contenuta flessione (-8%) rispetto al primo semestre del 2019, principalmente a seguito di un aumento delle rettifiche di valore nette su crediti e delle imposte sul reddito.

I coefficienti patrimoniali consolidati di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking si posizionano molto al di sopra dei livelli minimi richiesti dalla normativa. In particolare, al 30 giugno 2020 il common equity Tier 1 ratio consolidato si è attestato al 27,7%, in forte crescita rispetto al 19,2% di fine dicembre 2019 . “Nel primo semestre del 2020  abbiamo attraversato un’emergenza sanitaria ed una fase di incertezza economica senza precedenti, che hanno influito sulle scelte di investimento della clientela. È evidente, oggi, la grande disponibilità di liquidità presente nel mercato italiano, stimata in quasi il 30% delle risorse finanziarie complessive del Paese, così come il bisogno di una consulenza di qualità, affinché tale ricchezza sia opportunamente investita. I 5.800 private banker delle nostre reti, i manager ed i dipendenti di sede e delle società controllate, grazie all’impegno che li contraddistingue, sono stati in grado – in questa prima metà dell’anno – di restare vicini ai clienti, individuandone le necessità, per accompagnarli verso scelte informate di investimento. Continueremo ad operare in questa direzione, con l’obiettivo di sviluppare l’educazione finanziaria, gestire l’emotività nelle fasi di pianificazione finanziaria ed indirizzare una parte sempre più importante del risparmio privato verso l’economia reale, per contribuire al rilancio e allo sviluppo del Paese”, conclude Tommaso Corcos, Amministratore delegato e direttore generale di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Private BankingFideuram