PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Warren Buffett, regalo di compleanno da 6 miliardi a Tokyo

Warren Buffett, regalo di compleanno da 6 miliardi a Tokyo

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

31 Agosto 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva

Fresco di compleanno, il miglior value investor di sempre, Warren Buffet, non si ferma e rilancia una scommessa da sei miliardi di dollari sulla Borsa di Tokyo. All’insegna della protezione contro inflazione e volatilità

Warren Buffett fa 90, senza paura. Il guru del value investing – 79 miliardi di dollari di patrimonio personale – con la sua Berkshire Hathaway ha comprato il 5 per cento dei cinque più importanti conglomerati giapponesi: Itochu, Marubeni, Mitsubishi, Mitsui & Co. e Sumitomo. Un bel regalo per il neo-novantenne. Dopo la torta di Bill Gates, s’intende.

La sua mossa fa seguito al drenaggio di capitali (132 miliardi di dollari) che il Sol Levante ha vissuto negli ultimi 32 mesi a causa dell’affievolirsi degli effetti dell’Abenomics. La società in realtà non ha fornito i dettagli finanziari dell’acquisto. Tuttavia, in base al prezzo di chiusura delle azioni di venerdì 28/08/2020. Una quota del 5% dell’insieme delle imprese avrebbe un valore complessivo di 6 miliardi di dollari. Buffett, ha dichiarato che le cinque società controllano una serie di joint venture a livello globale, a reciproco vantaggio. La Berkshire Hathaway ha già comunicato che la propria partecipazione potrebbe salire in futuro al 9,9% in ciascuna azienda. Buffet intende inoltre mantenere i suoi investimenti nipponici a lungo termine.

La Borsa di Tokyo ha mostrato di gradire l’iniezione dei dollari di Warren. Le società infatti hanno mostrato un incremento del 5% circa e, in alcuni casi, superiore al 10%, contribuendo a far salire del 2% l’indice Nikkei nel corso della seduta. Le cinque aziende sono vere e proprie “società di investimento”. Tutte e cinque detengono quote in settori molteplici, tra cui quello energetico e quello minerario. Fra l’altro, Mitsubishi e Itochu controllano ciascuna un’importante catena di minimarket in Giappone. Una scelta votata alla protezione contro inflazione e volatilità.

“Sono lieto che Berkshire Hathaway partecipi al futuro del Giappone e che abbiamo scelto di investire nelle cinque aziende”, recita Buffett in un comunicato, specificando che queste “controllano joint venture in tutto il mondo e potrebbero costituirne molte altre”.

Le cinque conglomerate hanno una storia di lungo corso. Quella di Sumitomo risale al diciassettesimo secolo. Mitsubishi, Mitsui e Sumitomo si trovano al centro del sistema keiretsu. Si tratta di reti di società che investono l’una nell’altra o che collaborano a progetti comuni. Ad esempio, Mitsubishi deteneva una quota del 20% in Mitsubishi Motors al 31 marzo 2020.

Ad attrarre Buffett potrebbero essere state le basse valutazioni di mercato di queste società rispetto ai loro profitti. Durante la pandemia, Buffett ha stretto un accordo da 9,7 miliardi di dollari per l’acquisto di alcuni asset in Dominion Energy. Alla fine di giugno, la sua società disponeva di 146,6 miliardi di dollari in contanti, contro i 137,3 miliardi di dollari dei tre mesi precedenti. La Berkshire ha cercato quindi nuovi target d’investimento in mercati non molto affollati.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
caporedattore
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Aziende e Protagonisti