PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

UniCredit, Mustier resta alla guida della banca

UniCredit, Mustier resta alla guida della banca

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

25 Febbraio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Il manager francese non passerà a Hsbc e proseguirà con l’esecuzione del nuovo piano industriale al 2023

  • Mustier è giunto in UniCredit come ceo nell’estate 2016, incidendo fortemente sulla struttura e i costi del gruppo

  • Intanto, UniCredit Private Banking sta per collocare il suo primo Eltif di private debt, creato in collaborazione con Amundi e destinato a patrimoni di almeno 1-2 milioni di euro

Dopo le indiscrezioni anglosassoni del fine settimana su Jean Pierre Mustier, arriva la nota ufficiale di UniCredit: il ceo rimarrà in piazza Gae Aulenti. E intanto si prepara a debuttare un nuovo Eltif di private debt si prepara

Come conferma la stessa società, Jean Pierre Mustier resta in Unicredit. Il manager francese non passerà a Hsbc e proseguirà con l’esecuzione del nuovo piano industriale al 2023. Si tratta del piano Team 23. Un programma che mira a un utile di 5 miliardi, prevedendo anche 8.000 tagli di cui 6.000 (500 dal precedente piano) in Italia.

UniCredit e Mustier, le indiscrezioni

Le indiscrezioni erano arrivate dal Financial Times nel fine settimana, essendo il nome di Mustier circolato tra i candidati a ceo della banca britannica.

Hsbc, il cui utile lordo 2019 si è contratto del 32,9%, la scorsa settimana aveva presentato un maxi piano biennale di ristrutturazione e di ridimensionamento. In base al piano, il taglio previsto sarebbe di 35.000 dipendenti. Non sarà però Mustier a prendere il posto di Noel Quinn, amministratore delegato ad interim di Hsbc.

Le indiscrezioni su un possibile addio di Mustier venerdì 21/2/2020 avevano provocato il crollo di Unicredit in Borsa (-4,13% a 12,64 euro), già messo in difficoltà dall’effetto coronavirus. Mustier è giunto in UniCredit come ceo nell’estate 2016, incidendo fortemente sulla struttura e i costi del gruppo. Sue le cessioni di Pioneer, Pekao, Fineco, Mediobanca, così come la decisione di ridurre la presenza del gruppo in Turchia.

La fibrillazione dalle parti di piazza Gae Aulenti a Milano giunge mentre si è rimessa in moto la partita delle poltrone bancarie, con l’ops di Intesa a Ubi Banca e con Marco Morelli che comunica la sua indisponibilità per un nuovo mandato alla guida di Mps. In questo turbinio rientra anche il futuro di Victor Massiah, ceo di Ubi Banca, sempre che l’offerta di Intesa vada in porto.

La nota ufficiale di UniCredit

In data 24/02/2020, UniCredit ha diramato una nota ufficiale in cui si afferma che “a seguito della recente copertura mediatica sul futuro dell’a.d., il gruppo rende noto che Jean Pierre Mustier ha confermato che resterà alla guida della banca”. Il comunicato fa poi riferimento al piano strategico Team 23, ribadendo che “l’intero management team, a partire da Jean Pierre Mustier, è totalmente focalizzato sulla piena riuscita della sua esecuzione“.

Private debt, un nuovo Eltif targato UniCredit

Intanto, UniCredit Private Banking di Renato Miraglia sta per collocare il suo primo Eltif di private debt creato in collaborazione con Amundi. L’orizzonte di investimento del nuovo prodotto si attesta sui 7-8 anni. Esso è pensato per clienti con patrimoni di almeno 1-2 milioni di euro, volendo soddisfare l’esigenza attuale di trovare nuove fonti di rendimento. UniCredit Private Banking continuerà ad avvalersi della collaborazione con Cordusio Sim, società che all’interno del gruppo stesso serve i mille più cospicui patrimoni famigliari.

Jean Pierre Mustier
Teresa Scarale
Teresa Scarale
caporedattore
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.
ALTRI ARTICOLI SU "Aziende e Protagonisti"
ALTRI ARTICOLI SU "Unicredit"
ALTRI ARTICOLI SU "Hsbc"