PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Ubs e Credit Suisse pagheranno i dividendi

Ubs e Credit Suisse pagheranno i dividendi

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

10 Aprile 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Ubs e Credit Suisse hanno infatti ottenuto il consenso da parte dell’Autorità nazionale di dividere il pagamento in due fasi

  • E dunque il mese prossimo si riceverà la metà della somma spettante e a fine anno la restante quota. In questo modo le due banche elvetiche sono riuscite a svincolarsi dalla sospensione dei dividendi

Le due maggiori banche elvetiche hanno trovato il modo per pagare i dividendi del 2019, nonostante il coronavirus e l’indicazione a livello nazionale e internazionale di sospendere i dividendi

Ubs e Credit Suisse pagheranno gli azionisti. Le due banche svizzere hanno infatti ottenuto il via libera dall’Autorità nazionale per scaglionare i dividendi del 2019 in due tranche. Da settimane, infatti diverse banche hanno deciso di seguire le varie indicazioni nazionali e internazionali e sospendere il pagamento dei dividenti agli azionisti. Questo ha causato non pochi malesseri tra quest’ultimi che si sono visti privati di quanto spettante nel 2019.

La decisione è però stata presa per preservare la liquidità bancaria e per aiutare in un secondo momento molto aziende che probabilmente saranno in difficoltà causa effetti coronavirus.

In Svizzera la situazione è però diversa. Le due maggiori banche elvetiche sono infatti riuscite a divincolarsi dal non pagamento dei dividenti del 2019. E dunque Ubs avrebbe dovuto pagare lo 0,73 dollari per azione e invece darà lo 0,365 dollari per azione il mese prossimo e lo stesso importo a fine anno. Credit Suisse invece di 0,2776 franchi svizzeri per azione, pagherà invece 0,1388 franchi per azione in una prima tranche e il secondo pagamento avverrà in autunno. Il secondo pagamenti delle banche sono soggette alle condizioni economiche e di mercato e richiedono l’approvazione di un’assemblea degli azionisti appositamente convocata.

La mossa è inoltre stata accolta positivamente dall’Autorità regolamentare svizzera che ha passato le ultime settimane a sostenere come: “la Finma considera questa misura precauzionale adatta per affrontare contemporaneamente l’emergenza coronavirus e il rapporto con gli azionisti”. Questo si inserisce in uno sforzo coordinato a livello internazionale da parte di tutti gli interessati per affrontare le sfide”. Le banche europee, capitalizzate in modo meno “salutare” rispetto a Ubs e Credit Suisse sono state più rapide a frenare i loro pagamenti dei dividenti con lo sviluppo della crisi sanitaria.

Da ricordare come Ubs e Credit Suisse hanno dato circa 40 miliardi di dollari al governo svizzero per supportare le misure anti coronavirus.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Hsbc"
ALTRI ARTICOLI SU "Aziende e Protagonisti"
ALTRI ARTICOLI SU "Ubs"
ALTRI ARTICOLI SU "Credit Suisse"