PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Mps protagonista a Piazza Affari: festeggia il Conte bis

Mps protagonista a Piazza Affari: festeggia il Conte bis

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

30 Agosto 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Il 29 agosto il titolo di Mps ha terminato gli scambi in rialzo del 13,4%

  • Nei giorni scorsi l’Istituto di credito italiano ha ceduto 340 milioni di crediti deteriorati, portando a 1,5 miliardi gli Npe ceduti nell’ultimo periodo

  • I mercati hanno continuato a brindare al titolo di Mps durante la prima parte della giornata del 30 agosto fino alle parole dell’ex vicepremier Luigi Di Maio

Mps domina la scena a Piazza Affari. Complici le ultime cessioni di Npl del gruppo, ma anche l’ipotesi che il possibile prossimo governo M5S-Pd acceleri i piani di uscita del Tesoro dal capitale dell’istituto e eventualmente di fusione

Una giornata di rally. Poi la chiusura oltre le attese, in rialzo del 13,4%. E il giorno dopo un andamento da montagne russe, che viaggiano in territorio positivo. Il titolo di banca Monte dei Paschi di Siena rimane al centro degli scambi di Piazza Affari. L’interesse degli investitori si è riacceso nelle ultime settimane dopo la realizzazione dei piani di cessione degli Npl ai quali l’istituto senese starebbe tuttora lavorando. Nei giorni scorsi l’Istituto di credito italiano ha ceduto 340 milioni di crediti deteriorati, portando a 1,5 miliardi gli Npe ceduti nell’ultimo periodo.

Ma non è l’unico motivo per cui i riflettori del Ftse Mib restano accesi su Mps. Al titolo giova senz’altro come alle altre banche la discesa dello spread, che i giorni scorsi si è attestato intorno ai 166 punti base. Gli operatori sembrano però scommettere anche sull’idea che con il governo in formazione possa accelerarsi il piano di uscita del Tesoro e l’ipotesi di aggregazione con altri istituti.

“Gli ultimi governi a maggioranza Pd avevano inaugurato la stagione delle fusioni bancarie”, spiega a Reuters un trader. “Penso che il mercato – aggiunge – si aspetti che con il nuovo governo Conte sia più facile, rispetto a quello M5S-Lega, trovare una soluzione per Mps”. Il Tesoro, che detiene poco meno del 70% di Mps, deve notificare all’Ue entro fine anno un piano per l’uscita dal capitale.

andamento titolo Mps
andamento titolo Mps - 30 agosto 2019, grafico Borsa Italiana

I mercati hanno continuato a brindare al titolo di Mps durante la prima parte della giornata del 30 agosto. Il titolo – insieme a tutto il comparto bancario a partire da Banco Bpm, Ubi e Unicredit – ha perso terreno a metà pomeriggio, in particolare dopo le parole del leader del M5S Luigi Di Maio, che ha gettato ombre sull’ipotesi di un accordo senza scontro tra M5S e Pd. Il titolo ha chiuso in calo del 4,86% a 1,45 euro. Anche il Ftse Mib è scivolato in territorio negativo chiudendo gli scambi in flessione dello 0,35% a 21.322,9 punti. Lo spread è tornato sopra i 175 punti base.

Mps comunque non sarà l’unico dossier bancario al tavolo del prossimo governo. Dal salvataggio di Carige alle mire straniere su Unicredit al futuro incerto della Popolare di Bari e all’ipotesi di una Superpopolare del Mezzogiorno: le incognite che attendono il futuro esecutivo – probabilmente a guida M5S-Pd – sono ancora molte.

Il commento delle società di gestione

Nei giorni che hanno accompagnato la crisi di governo e l’assegnazione del nuovo incarico di premier a Giuseppe Conte, i mercati sembrano aver reagito in modo positivo. Ma cosa ne pensano le società di gestione?

Franklin Templeton

“Riteniamo che questo sia il miglior risultato possibile per l’Italia, dal momento che il Pd è più fiscalmente conservatore del Movimento 5 Stelle ed è anche pronto a riformare il numero dei parlamentari”, commenta David Zahn, head of european fixed income di Franklin Templeton. “Ciò – aggiunge – è positivo anche per il mercato obbligazionario italiano, soprattutto perché prevediamo che la Bce ripristinerà il Qe nel prossimo futuro”.

“Ci attendiamo tuttavia – prosegue il gestore – che ci saranno più dissensi e discorsi anti-europei da parte di Salvini e dalla Lega che potrebbero creare una certa volatilità nei mercati obbligazionari, fornendo un buon punto di ingresso per gli investitori”.

“A nostro avviso, un partito più di centro nel governo aiuta a mitigare alcune di queste idee più estremiste. Nel complesso, riteniamo che il nuovo governo di coalizione dovrebbe sostenere il debito italiano in futuro e ci manteniamo lunghi sull’Italia”, conclude Zahn.

Hermes Investment Management

“Il mercato finanziario ha salutato la gestazione del governo Conte 2 con una poderosa compressione del differenziale tra il Btp decennale e il Bund”, commenta Filippo Alloatti, senior credit analyst, Hermes Investment Management. “Ancora ignoti – prosegue – il programma mediato tra i 5 Stelle e il Pd e la copertura dei dicasteri chiave, economia, interno, esteri, la ‘promozione’ del mercato parrebbe da ascriversi a un percepito tasso di conflittualità con la Commissione europea inferiore a quello del precedente governo”.

“Evitare l’esercizio provvisorio e cercare di scongiurare lo scatto delle aliquote Iva sono obiettivi condivisibili. Per le banche italiane il cui patrimonio beneficia del calo dello spread, la nuova agenda governativa potrebbe aiutare gli istituti nello sforzo di ristrutturazione intrapreso con successo da qualche anno”, aggiunge Alloatti. “Nello specifico – conclude – ulteriore riduzione dei crediti inesigibili (Npl) e maggior attenzione agli Utp, agire sulla leva dei costi e cercare di spingere le commissioni. Per l’economia riattivare gli investimenti resta una priorità”.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.
ALTRI ARTICOLI SU "Aziende e Protagonisti"
ALTRI ARTICOLI SU "Banca Mps"
ALTRI ARTICOLI SU "Borsa Italiana"