PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Lettera dal futuro3 - post coronavirus: divorzi vs nascite

Lettera dal futuro3 - post coronavirus: divorzi vs nascite

Salva
Salva
Condividi
Stefania Pescarmona
Stefania Pescarmona

03 Aprile 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • A fine marzo, il 50% della popolazione mondiale era confinata a casa: quasi 4 miliardi di persone in 90 paesi erano in isolamento obbligatorio o consigliato

  • Terza puntata: divorzi vs nascite

  • Fornezza: “I trend demografici del 2020 potrebbero dunque se non invertire almeno rallentare le tendenze all’invecchiamento della popolazione”

3 agosto 2020: in piena estate, guardando ex post l’esplosione del coronavirus, dopo un soggiorno obbligato a casa, che ci ha costretti a vivere “vicini vicini” 24 ore su 24, ogni minuto della nostra vita, chi ha avuto la meglio? Le nascite o i divorzi? Terza puntata con Fabrizio Fornezza (Eumetra Mr)

2 agosto 2020: sono passati alcuni mesi da quando, l’esplosione del coronavirus, ha cambiato il modo di vivere di tutti gli individui. A fine marzo, il 50% della popolazione mondiale era confinata a casa: quasi 4 miliardi di persone in 90 paesi erano in isolamento obbligatorio o consigliato, in coprifuoco, in quarantena. Ora, in piena estate, guardando ex post, dopo un soggiorno obbligato a casa, che ci ha costretto a vivere “vicini vicini” 24 ore su 24, ogni minuto della nostra vita, chi ha avuto la meglio? L’amore o i coltelli?

We Wealth lo ha chiesto a Fabrizio Fornezza, presidente di Eumetra Mr, l’istituto italiano di ricerca sui temi del mutamento sociale e dell’innovazione, che –  dopo aver affrontato nelle due puntate precedenti il tema della gestione del risparmio e quello della salute –  passa ora a esaminare l’aspetto famigliare: la coppia si scoppia e prevarranno i divorzi o l’intimità familiare avrà la meglio e nei prossimi mesi avremo un boom di nascite?

Dottor Fornezza, le misure di contenimento, prese per fronteggiare l’espansione dell’epidemia da coronavirus, hanno trasformato la casa in un “soggiorno obbligato”. È possibile anticipare qualche trend sull’andamento demografico e sulle relazioni familiari?

“I segnali non rappresentano ancora un vero e proprio trend, ma dai primi dati che vengono dalle cliniche campione milanesi nel periodo giugno-agosto sembra esserci un piccolo ma significativo aumento delle maternità. I trend demografici del 2020 potrebbero dunque se non invertire almeno rallentare le tendenze all’invecchiamento della popolazione”, ha risposto Fornezza. Che però poi ha aggiunto: “Per contro, un segnale meno felice, sembra essere quello dell’aumento delle separazioni. Anche su questo punto i segnali sono ancora troppo deboli per definire un vero e proprio trend, ma i piccoli indizi registrati sul territorio, uniti ai fenomeni registrati in altri paesi che hanno anticipato il trend epidemico (Cina), fanno sospettare che il percorso di frammentazione della struttura famigliare italiana possa essere ulteriormente rafforzato.

 

Qual erano i numeri pre-coronavirus?

L’Istat, nel suo annuario 2019, ha evidenziato un continuo calo delle nascite. I nati vivi, che nel 2017 erano 458.151, nel 2018 erano passati infatti a 439.747, nuovo minimo storico dall’Unità d’Italia, con un quoziente di natalità sceso a 7,3 nati per mille abitanti, dai 7,6 per mille dell’anno precedente. Nello stesso tempo, il tasso di fecondità totale è calato ancora ed è passato da 1,34 del 2016 a 1,32 figli in media per donna nel 2017.

L’Istat ha poi evidenziato anche una contrazione sia dei matrimoni sia dei divorzi. In particolare, dal 2017 i matrimoni hanno ripreso a diminuire con 191.287 celebrazioni, arrivando a quasi 12 mila in meno in un anno, così come i divorzi che – dopo un aumento dovuto all’entrata in vigore del cosiddetto ‘divorzio breve’ – hanno subiscono una contrazione e si sono attestati sui 91.629 eventi (7.442 in meno rispetto al 2016).

E ora?
In attesa di conoscere i numeri ufficiali, non perdetevi i prossimi appuntamenti su:

– canali fisici vs online

– istruzione e relax

– viaggi e turismo

– relazioni.

Stefania Pescarmona
Stefania Pescarmona
Direttore di We-Wealth.com e caporedattore del magazine. Ha lavorato a MF, Bloomberg Investimenti, Finanza&Mercati. Ha collaborato con Affari&Finanza (Repubblica) e Advisor
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Aziende e Protagonisti Italia coronavirus
ALTRI ARTICOLI SU "Aziende e Protagonisti"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"
ALTRI ARTICOLI SU "coronavirus"