PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Julius Baer snellisce il top management team

Julius Baer snellisce il top management team

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

03 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva
  • Si tratta della prima decisione del ceo Philipp Rickenbacher, in carica dallo scorso 1 settembre

  • A seguito del rinnovamento del team 6 manager lasceranno la squadra dei vertici, ovvero: Gian Rossi, Larissa Alghisi, Christoph Hiestand, Rémy Bersier e Luigi Vignola

Julius Baer semplifica la propria struttura manageriale. Il cda del gruppo si unisce a quello della banca in un team unico, che passa da 15 a 9 membri

Julius Baer semplifica la propria struttura manageriale. Le competenze e le responsabilità di mercato saranno raggruppate attraverso l’unione dei team dei consiglio di amministrazione di Julius Baer Group e Bank Julius Baer & Co. La leadership esecutiva del gruppo e della banca Julius Baer si ridurrà quindi da 15 a 9 membri. Si tratta della prima mossa ad opera del ceo Philipp Rickenbacher, in carica dallo scorso 1 settembre.

A seguito del rinnovamento del team, saranno quindi 6 i manager a lasciare la squadra dei vertici, ovvero Gian Rossi, Larissa Alghisi,  Christoph Hiestand, Rémy Bersier e Luigi Vignola. Il nuovo consiglio di amministrazione di Julius Baer sarà quindi composto da:

  • Philipp Rickenbacher, chief executive officer
  • Yves Robert-Charrue, head Switzerland & Europe, Middle East, and Africa
  • Jimmy Lee Kong Eng, head Asia Pacific
  • Beatriz Sanchez, head Americas
  • Nic Dreckmann, chief operating officer & head of intermediaries
  • Nicolas de Skowronski, investment & wealth management solutions, head of wealth management solutions
  • Yves Bonzon, investment & wealth management solutions, chief investment officer
  • Dieter A. Enkelmann, chief financial officer
  • Oliver Bartholet, chief risk officer

Il group general counsel e chief communications officer, sottolinea Julius Baer, continueranno a riferire direttamente al ceo, così come il group head of Hr.

Programmi di riorganizzazione interna

La struttura organizzativa del gruppo, spiega ancora Julius Baer, arà semplificata, consentendo un allestimento più agile, incentrato sulle esigenze del cliente e guidato da un processo decisionale più rapido. Le cinque regioni che attualmente servono clienti private ​​saranno aggregate in tre unità geografiche per portare avanti la crescita internazionale di Julius Baer secondo le priorità di mercato dichiarate.

Per un’esperienza del cliente che Julius Baer definisce “senza interruzioni e veramente olistica”, le soluzioni di investimento e di wealth management fornite attraverso servizi di gestione discrezionale e di consulenza dovranno essere riunite in un’unica unità, migliorando ulteriormente la scalabilità dell’offerta del gruppo. Inoltre, la divisione mercati di Julius Baer, ​​gestita da Luigi Vignola, sarà consolidata sotto la guida del cfo, insieme alle divisioni treasury e credit management.

Ulteriori cambiamenti nel team

Ulteriori modifiche, sottolinea Julius Baer, saranno in vigore dal 1° gennaio 2020. Rémy A. Bersier, ad esempio, attualmente region head Emerging Markets, sarà nominato presidente dei private banking key clients e riferirà al ceo. Avrà la responsabilità di supportare e implementare lo sviluppo della clientela Ultra high-net-worth del gruppo. Rimarrà anche presidente di Banca Julius Baer Monaco.

Dopo 13 anni con Julius Baer, ​​Gian Rossi, attualmente a capo della regione Svizzera, lascerà la banca a fine anno, “di comune accordo” con il gruppo, dopo aver assicurato il regolare passaggio di testimone dei suoi incarichi.

I commenti

Commentando i cambiamenti, Philipp Rickenbacher, ceo di Julius Baer, ​​ha dichiarato: “Julius Baer è in un’ottima posizione. Abbiamo ciò che serve per rimanere leader nella gestione patrimoniale negli anni a venire. Definire il nuovo gruppo dirigente e lavorare in una configurazione più semplice e snella ci dà l’opportunità di affrontare le sfide strategiche in modo rapido e decisivo”.

“Sia Rémy Bersier che Gian Rossi – ha aggiunto il ceo – sono stati determinanti per il successo di Julius Baer negli ultimi dieci anni e vorrei ringraziarli entrambi per il loro contributo da quando si sono uniti al consiglio direttivo di Banca Julius Baer nel 2006. Gian Rossi è stato altrettanto determinante nell’espansione della nostra impronta nei mercati internazionali, così come nel consolidare la nostra posizione di forza in Svizzera. Rafforzeremo i suoi successi e gli auguriamo tutto il meglio per il suo futuro”.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Aziende e Protagonisti Julius Bär