PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Intesa Sanpaolo – Ubi Banca, Ops rimandata a settembre

Intesa Sanpaolo – Ubi Banca, Ops rimandata a settembre

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

26 Maggio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Secondo l’Antitrust, l’operazione Intesa-Ubi modificherebbe significativamente l’attuale assetto del mercato del credito in Italia, eliminando la “sostanziale simmetria” fra Intesa e Unicredit

  • Si sarebbe aggiunta nel procedimento antitrust anche UniCredit. Il 23 maggio, ultimo giorno utile per chiedere l’ammissione, la banca guidata da Jean-Pierre Mustier avrebbe fatto pervenire con successo all’Antitrust la richiesta di partecipazione all’istruttoria

Il nuovo episodio della saga sull’Ops Intesa – Ubi si terrà con tutta probabilità a settembre. Ecco tutti i grattacapi che (forse) Carlo Messina non aveva previsto

Per l’offerta pubblica di scambio (ops) di Intesa Sanpaolo su Ubi Banca si prospetta la tregua estiva. La ragione principale è che la risposta dell’Antitrust potrebbe metterci più tempo ad arrivare, rispetto a quanto inizialmente stimato. Lo scrive Reuters, riportando “fonti vicine alla situazione”. Poi, bisogna attendere gli ok di Bce, Ivass, Banca d’Italia.

In principio (17/2/2020), la tabella di marcia dell’ops di Carlo Messina (ad Intesa Sanpaolo) stabiliva a fine giugno 2020 l’avvio del periodo di adesione all’offerta. Per quella data infatti si sarebbero dati per scontati il semaforo verde delle autorità di vigilanza e l’approvazione del documento di offerta da parte di Consob.

Tuttavia l’Antitrust ha avviato il procedimento istruttorio per verificare i possibili effetti sul mercato dell’operazione solo l’11 maggio scorso. Secondo l’Antitrust, l’operazione Intesa-Ubi modificherebbe significativamente l’attuale assetto del mercato del credito in Italia, eliminando la “sostanziale simmetria” fra Intesa e Unicredit, i due maggiori gruppi bancari del paese.

Inoltre, aggiunge l’Autorità, il mercato “verrebbe privato della presenza di un operatore di medie dimensioni quale Ubi che in un futuro non remoto avrebbe potuto fungere da polo di aggregazione, costituendo un terzo gruppo bancario di grandi dimensioni che si sarebbe affiancato alle due banche maggiori”.

Intesa-Ubi, ecco perché l’Ops andrà a settembre

Per ovviare al problema concorrenziale di un’eccessiva concentrazione, Intesa ha raggiunto un accordo con Bper per la vendita di 400-500 filiali.

Secondo alcune fonti, si sarebbe aggiunta nel procedimento antitrust anche UniCredit. Il 23 maggio, ultimo giorno utile per chiedere l’ammissione, la banca guidata da Jean-Pierre Mustier avrebbe fatto pervenire con successo all’Autorità garante della concorrenza e del mercato la richiesta di partecipazione all’istruttoria.

Ma non è la sola. All’istruttoria partecipano anche Cattolica Assicurazioni e la Fondazione Banca del Monte di Lombardia, entrambi soci di Ubi. In particolare, gli interessi della compagnia assicurativa veronese sono legati alla partnership di bancassurance con Ubi. I soggetti ammessi all’istruttoria antitrust hanno la possibilità di presentare memorie, di avere accesso agli atti, di essere sentiti dall’Autorità e di partecipare all’audizione finale.

È probabile adesso che la Consob attenda il semaforo verde dell’Antitrust per dare la sua approvazione sul prospetto informativo dell’ops. Ecco perché ormai tutti gli osservatori si attendono che l’operazione slitti a settembre.

Alcuni soci di Ubi si sono già espressi in senso contrario all’operazione pubblica di scambio. Innanzitutto, quelli riuniti nel comitato degli azionisti di riferimento (Car, 19% circa del capitale). Poi, il cosiddetto patto dei Mille (1,6% del capitale tra gli azionisti bergamaschi dell’istituto).

Qualche grattacapo per Carlo Messina arriva anche dai rilievi che Ubi ha avanzato a Consob. Tali rilievi riguardano l’asserito avveramento della clausola Mac (material adverse change) per gli effetti della pandemia Covid-19, che renderebbe l’offerta di Intesa inefficace.

Intesa però ha ribadito la maggiore valenza dell’Ops nell’attuale fase di mercato e la determinazione a portare avanti il progetto anche con adesioni all’offerta pari al 50% più un’azione del capitale di Ubi.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.
ALTRI ARTICOLI SU "Aziende e Protagonisti"
ALTRI ARTICOLI SU "Intesa Sanpaolo"
ALTRI ARTICOLI SU "Ubi"