PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Credit Suisse e Deutsche Bank: il gioco dei ruoli

Credit Suisse e Deutsche Bank: il gioco dei ruoli

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

26 Luglio 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Richard Gibb sarà dunque il head operations dell’Australia per Credit Suisse a partire da ottobre

  • Gibb andrà a sostituire John Knox, veterano di Credit Suisse da 24 anni, che lascerà la banca nel 2019

Le due banche continuano a rubarsi a vicende personale delle varie sezioni. Questa settimana è il turno di Credit Suisse che porta via il responsabile finanziario della area asiatica

Deutsche Bank e Credit Suisse continuano a rubarsi le figure chiave a vicenda. Se settimana scorsa è stata la volta dei Deutsche Bank (ha assunto cinque consulente di Credit Suisse e contemporaneamente la banca svizzera ha perso Stefano Vecchi che è andato in Unicredit), questa settimana è Credit Suisse che passa all’attacco e ruba a Deutsche Bank Richard Gibb, head of corporate finance della zona Asia-Pacifico di Deutsche Bank. Complice la ristrutturazione la svizzera è riuscita a portare nella sua sede Australiana una pedina importante di Deutsche Bank.

Gibb sarà dunque il head operations dell’Australia per Credit Suisse. E a partire da ottobre guiderà le attività della banca svizzera in Australia sia per quanto riguarda gli investimenti bancati, i mercati dei capitali, il private banking e i finanziamenti.

Gibb andrà a sostituire John Knox, veterano di Credit Suisse da 24 anni, che lascerà la banca nel 2019. Prima di lasciare totalmente il colosso svizzero Knox lavorerà negli ultimi mesi dell’anno con Gibb per garantire la continuità della struttura.

La decisione di Gibb di abbandonare Deutsche Bank deriva dal fatto che la società ha iniziato il suo piano di ristrutturazione, tagliando 18.000 unità, il tutto a favore della sezione del wealth management. Inoltre, l’Australia (questo mese) sarà un’osservata speciale perché il capo di Ubs Australia e Nuova Zelanda lascerà. Ha però già specificato che garantirà la sua presenza fino a fine 2019.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Aziende e Protagonisti"
ALTRI ARTICOLI SU "Deutsche Bank"
ALTRI ARTICOLI SU "Credit Suisse"