PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Cina: JP Morgan continua la sua scalata

Cina: JP Morgan continua la sua scalata

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

06 Aprile 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • La mossa di JP Morgan segue quelle fatte nei giorni scorsi. Blackrock e Neuber Berman puntano infatti allo stesso mercato

  • Il presidente e amministratore delegato della banca fa sapere che la Cina è un mercato importante e che continueranno ad investirci

JP Morgan consolida sempre di più la sua presenza in Cina. Questa volta ottenendo la piena acquisizione della joint venture della società di gestione patrimoniale, International fund management

JP Morgan continua la sua scalata in Cina. Il colosso oltre ad essere uno dei primi ad aver approfittato dell’apertura Cinese al capitale estero adesso alza anche la quota. La banca ha infatti aumentato la propria partecipazione all’International Fund management al 100%. Questa deve essere ancora ufficializzata in maniera definitiva dalla China securities regulatory commission. Non dovrebbero esserci ostacoli visto l’apertura che era stata fatta gli scorsi mesi. La società in questione è stata fondata nel 2004 a Shanghai e ha più di 150 miliardi di yuan, che corrispondono a 21 miliardi di dollari, in masse gestite a fine del 2019.

Questa mossa diJP Morgan fa seguito ai recenti avvenimenti che hanno visto i principali rivali nella gestione patrimoniale arrivare nel Paese. E parliamo di Blackrock e Neuberger Berman. Entrambi sono entrati nel mercato cinesi come società di fondi comuni di investimento.

JP Morgan continua dunque ad aumentare la sua esposizione verso la Cina che ha deciso di aprire il suo mondo dei servizi finanziari all’estero. Un’opportunità che si aspettava già da tempo e che ha visto i colossi americani in prima linea. La sua piena acquisizione della joint venture del gestore patrimoniale fa seguito all’aumento della proprietà dal 49 al 51% nell’agosto del 2019. Insomma, le intenzioni diJP Morgan erano chiare già da tempo. La sua scalata era stata fermata solo dalle regole interne cinesi.

“Continueremo ad investire e supportare pienamente la nostra attività nel Paese (Cina) che è diventato un mercato critico per molti clienti nazionali e globali” ha affermato Jamie Dimon, presidente e amministratore delegato di JP Morgan Chase.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Aziende e ProtagonistiJP Morgan