PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

La Borsa brinda all'ipotesi di fusione Deutsche Bank-Commerzbank

La Borsa brinda all'ipotesi di fusione Deutsche Bank-Commerzbank

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

18 Marzo 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Da inizio anno Deutsche Bank ha guadagnato circa il 16% e Commerzbank il 32%

  • Il Tesoro tedesco è il principale azionista di Commerzbank, con il 15,6%

  • Secondo S&P, l’operazione potrebbe portare “considerevoli guadagni di efficienza” nel tempo ma anche “significative incertezze e rischi”

Significativo rialzo alla Borsa di Francoforte per le azioni delle prime due banche tedesche, Deutsche Bank e Commerzbank, in scia all’ipotesi fusione. Secondo indiscrezioni, sarebbe inoltre al vaglio di Allianz la possibilità di unificare il suo business con Dws

La Borsa di Francoforte brinda all’ufficializzazione delle trattative in corso per la fusione tra Deutsche Bank e Commerzbank. Nella mattina del 18 marzo, Deutsche Bank segnava un rialzo medio del 4,94% a 8,20 euro e Commerzbank guadagnava il 7,05% a 7,65 euro. Le azioni degli istituti nelle ultime sedute avevano già beneficiato delle indiscrezioni relative ai negoziati in atto per il matrimonio e da inizio anno Deutsche Bank ha guadagnato il 16% e Commerzbank il 32% circa. Domenica 17 marzo è arrivata la conferma da parte degli istituti che il progetto di fusione sarebbe ufficialmente allo studio.

Si tratta tuttavia ancora solo di un’ipotesi. Commerzbank, di cui il ministero del Tesoro tedesco rimane l’azionista principale con il 15,6% del capitale, sta portando avanti il processo di ristrutturazione iniziato nel 2009, dopo il salvataggio dell’istituto. Deutsche Bank, a sua volta, prosegue nella realizzazione dell’integrazione con Postbank. L’istituto ha inoltre chiuso tre esercizi di fila in rosso, anche se il bilancio 2018 ha registrato un utile netto pari a 341 milioni.

Nel mirino delle indiscrezioni – con conseguente rialzo in Borsa di circa il 9% – è finita anche Dws, la società di asset management di cui Deutsche Bank è il primo azionista. Secondo le indiscrezioni riportate dall’agenzia Bloomberg, nell’ambito delle nozze tra Deutsche-Commerzbank,Dws potrebbe essere ceduta ad Allianz. Se l’accordo andasse in porto nascerebbe unarealtà da 1.117 miliardi di euro gestiti. Le valutazioni sarebbero comunque ad uno stadio iniziale e sia Allianz sia Dws non hanno commentato i rumors.

Un’ipotetica fusione tra i due istituti – calcola il Sole 24 Ore – genererebbe una realtà con una gestione di circa 1.100 miliardi di assets, 50 milioni di clienti retail e corporate, 600 miliardi di prestiti, 800 miliardi di depositi e una capitalizzazione di Borsa pari a circa 25 miliardi. Alla voce dell’indebitamento complessivo, la nuova realtà si troverebbe una cifra pari a 1.846 miliardi di euro (1.315 miliardi di Deutsche Bank e 531,13 miliardi Commerzbank). Un’operazione che lascia quindi sul campo molti scettici.

L’operazione ”potrebbe, nel tempo, offrire considerevoli guadagni di efficienza” ma comporta anche “significative incertezze e rischi”, rileva ad esempio in una nota, S&P Global Ratings. “In teoria una fusione ben eseguita” potrebbe “offrire notevoli guadagni in termini di efficienza, di sinergie di funding, benefici nella rete, specialmente sul mercato domestico”, continua S&P. Tra i rischi l’agenzia di rating indica la necessità delle “approvazioni antitrust e regolatorie, che potrebbero essere rifiutate o contemplare condizioni non attraenti”. L’ipotesi fusione, infine, imporrebbe alle due banche “molti anni di significativa ristrutturazione interna mentre i competitor restano focalizzati sul servizio ai clienti e a migliorare la redditività”.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Aziende e Protagonisti"
ALTRI ARTICOLI SU "Deutsche Bank"
ALTRI ARTICOLI SU "Banche"