PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Aziende: ecco i maggiori 3 rischi nel 2021

Aziende: ecco i maggiori 3 rischi nel 2021

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

20 Gennaio 2021
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Il rischio informatico ha macinato posizioni negli anni passati, fino a farsi spazio e classificarsi tra i primi 3 pericoli mondiali per le aziende

  • Le singole società, e persino interi settori, hanno subito in passato grandi eventi di interruzione dell’attività, ma la pandemia del 2020 ha colpito un’economia moderna globalizzata e interconnessa, per la prima volta

Interruzione del bussines, scoppio di una pandemia e rischi informatici. Questi sono i maggiori pericoli percepiti dalle aziende secondo il 10° Allianz risk barometer 2021

Interruzione del bussines, scoppio di una pandemia e rischi informatici. Questi sono i 3 maggiori fattori di rischio globali individuati dal 10° Allianz risk barometer 2021, che aggrega le opinioni di 2.769 esperti aziendali (Ad, risk manager, broker e esperti assicurativi) provenienti da più di 92 paesi.

Il covid-19 ha dominato il panorama del rischio nell’ultimo anno, aggiungendosi alle già crescenti preoccupazioni per l’interruzione dell’attività e l’esposizione per gli attacchi informatici, data la crescente dipendenza dalla tecnologia e dalle catene di fornitura globali. Prima della pandemia, negli ultimi dieci anni l’interruzione dell’attività era già finita in cima all’Allianz risk barometer sette volte. Nel frattempo, il rischio informatico si è fatto spazio classificandosi regolarmente tra i primi tre rischi aziendali negli ultimi anni, arrivando al primo posto nel 2020.

Le singole aziende, e persino interi settori, hanno subito in passato grandi eventi di interruzione dell’attività, ma la pandemia del 2020 ha colpito, per la prima volta, un’economia moderna globalizzata e interconnessa. Il mondo è cambiato radicalmente negli ultimi decenni e questo ha portato ad accumuli di rischi e nuove cause di perdita. La pandemia ha dimostrato quanto sia vulnerabile il mondo a eventi imprevedibili ed estremi e ha evidenziato gli aspetti negativi della produzione globale e delle catene di approvvigionamento. “Quando la spedizione di container è stata effettivamente fermata nella primavera del 2020, con flotte che hanno messo fuori servizio numerose navi in risposta a carenze di capacità, le catene di approvvigionamento globali sono state sotto pressione. Successivamente, i componenti non sono arrivati e la produzione si è arrestata in molte industrie, soprattutto nel settore automobilistico” si legge nel report.

Uno studio di Euler Hermes ha rilevato che quasi tutte (94%) le aziende intervistate hanno segnalato un’interruzione nelle loro catene di approvvigionamento a causa del covid-19, mentre più di un quarto (26%) delle società statunitensi hanno evidenziato “gravi interruzioni” a seguito del pandemia.

Il rischio di interruzione dell’attività è diventata una discussione non solo per i professionisti del rischio, ma anche oggetto nei consigli di amministrazione delle società e mostra la necessità per le aziende di costruire catene di approvvigionamento più resilienti, nonché di trovare nuovi modi per affrontare i rischi non assicurabili.

Covid-19 ricorda che non tutti i pericoli sono assicurabili e che la gestione del rischio e la pianificazione della continuità operativa svolgono un ruolo fondamentale nell’aiutare le aziende a sopravvivere a eventi estremi.

L’epidemia ha anche dimostrato che l’interruzione dell’attività è altamente correlata a molti dei rischi più preoccupanti per le aziende odierne come le catastrofi naturali, i cambiamenti climatici, i rischi politici, i disordini civili e persino i rapidi cambiamenti nei mercati. “L’interruzione dell’attività è la conseguenza causata dai pericoli”, afferma Philip Beblo, Global practice group Leader utilities & services, It communication di Agcs. “Data la diffusa interruzione causata dal covid-19, non sorprende che questo sia classificato come il rischio più elevato, mentre il cyber era già considerato una delle potenziali cause di interruzione dell’attività”. Una delle grandi lezioni apprese dalla pandemia è che gli eventi estremi di interruzione dell’attività non sono solo teorici, ma una possibilità reale. Pur essendo un rischio noto, la pandemia di coronavirus è stata un evento a sorpresa di portata mondiale.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Aziende e ProtagonistiEuropa