PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Affrontare le sfide del wealth management con il value investing

Affrontare le sfide del wealth management con il value investing

Salva
Salva
Condividi
Livia Caivano
Livia Caivano

13 Febbraio 2019
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva
  • Aanalisi documentale e incontri con il management delle imprese

  • Orizzonte temporale di almeno cinque anni

  • L’approccio value investing consente di superare e andare oltre quelli che possono essere i picchi di volatilità temporanea

Quali sono le sfide del wealth management per il 2019 e quali sono gli strumenti per affrontarle? Minaccia numero uno: la volatilità. Intervista a Massimiliano Cagliero, amministratore delegato di Banor Sim.

 

 

Anche il 2019 si è apre con mercati all’insegna di un’elevata volatilità anche determinata da rischi geopolitici. Controllare questo aspetto nel corso dei prossimi mesi sarà sicuramente la prima sfida del Wealth Management, ecco la visione di Massimiliano Cagliero di Banor Sim

Wealth management, quali sono le sfide del 2019?

Per Banor Sim l’approccio di gestione vincente è dato dalla nostra filosofia di gestione che si ispira ai principi del value investing: studiamo a lungo le aziende e quando prendiamo la nostra decisione d’investimento è sempre a lungo termine. Sviluppiamo moltissima analisi documentale, poi incontriamo il management delle imprese su cui siamo interessati a investire e, quando ci decidiamo, lo facciamo con un orizzonte temporale di almeno cinque anni o – perché no – per un periodo di tempo indefinito. Questo approccio ci consente di superare e andare oltre quelli che possono essere i picchi di volatilità temporanea.

La seconda sfida, invece, diventerà la relazione con il cliente per educarlo ai cambiamenti e supportare le sue esigenze in una situazione di mercato molto più volatile rispetto al passato. Per raggiungere questo obiettivo bisognerà lavorare su due fronti: digitalizzare i processi informativi e rendere più efficiente la comunicazione nei confronti del cliente. La terza sfida che individuiamo è a livello di sistema Italia: mercato sempre più regolato con costi sempre più alti che richiederanno investimenti di adeguamento.

foto di Cagliero Massimiliano in piedi
Cagliero Massimiliano - amministratore delegato Banor Sim

Come cambiano gli equilibri tra gestori e distributori dopo Mifid 2?

Come Banor Sim, e a livello di sostanza, la nuova direttiva europea non ci ha toccato. Non abbiamo mai avuto costi nascosti, non abbiamo mai preso commissioni di retrocessione da nessuno, siamo sempre stati remunerati solo dai clienti. Anche la nostra filosofia operativa era già allineata alla nuova direttiva. A livello di gestione e distribuzione prodotti, invece, speriamo che la nuova normativa risulti più incisiva nel ridurre i potenziali conflitti di interesse tra il distributore e il produttore, non esasperando la polarizzazione del mercato. Ci sono ancora alcune realtà che stanno interpretando Mifid 2 come l’occasione per estromettere dalla loro gamma prodotti gli asset manager più piccoli a vantaggio dei grandi player globali.

In che modo il private banking potrà recuperare le forze dopo il difficile anno appena concluso?

Nel 2018 abbiamo avuto la fortuna di poter contare su una clientela selezionata, che è con noi da quasi vent’anni, e su nuovi clienti che ci hanno dato fiducia e ci hanno permesso di continuare a crescere. Personalmente attribuisco un’importanza fondamentale al fatto che i clienti ci diano in gestione i loro capitali, indipendentemente dalle condizioni di mercato. È un atto di fiducia molto profondo. Per questo, anche nel 2019, bisogna essere sempre preparati e all’altezza delle esigenze del cliente, fare il massimo per accrescere il suo capitale, supportarlo nel tramandarlo ed essere sempre disponibili ad ascoltare le sue esigenze. Il nuovo anno è partito talmente bene che abbiamo ripreso tutte le valutazioni negative del 2018 e, come noi, credo che tutto il settore del private banking potrà beneficiarne.

Livia Caivano
Livia Caivano
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Aziende e Protagonisti Banor Italia