PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Pictet punta sul mattone: al via il 1° fondo di real estate

Pictet punta sul mattone: al via il 1° fondo di real estate

Salva
Salva
Condividi
Stefania Pescarmona
Stefania Pescarmona

26 Febbraio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Il fondo ha una durata di otto anni ed è rivolto a una clientela professionale

  • Il veicolo è focalizzato sulle principali gateway city in Germania, Spagna, Regno Unito e Paesi Nordici

  • Nel 2021, Pictet potrebbe duplicare e lanciare un secondo fondo real estate

L’investimento nel real estate sta attraversando una significativa trasformazione. Pictet punta sui private asset, dove espanderà la attività d’investimento in quest’area nei prossimi anni

Pictet punta sul mattone e lancia il suo primo fondo real estate diretto. Elevation I, questo il nome del fondo dedicato, è stato lanciato da Pictet Alternative Advisors, la società del gruppo dedicata agli investimenti alternativi (hedge fund, private equity e real estate).

Con un eccesso di richieste di sottoscrizione, questo veicolo d’investimento chiuso ha raccolto 700 milioni di euro, ben al di sopra dell’obiettivo iniziale di 400 milioni.

Il fondo, che ha una durata di otto anni, è rivolto a una clientela professionale: la base degli investitori è composta, infatti, per circa due terzi da clienti privati titolari di patrimoni elevati e per un terzo da investitori istituzionali, compresi società di assicurazione e i fondi pensione europei e asiatici. Elevation I è gestito da un team di 14 persone guidato da Zsolt Kohalmi, proveniente da Starwood Capital, dove era responsabile delle acquisizioni in Europa, e con oltre 20 anni di esperienza.

“L’investimento nel real estate sta attraversando una significativa trasformazione e fornirà opportunità value add ai gestori attivi nei prossimi anni”, ha spiegato   Kohalmi, global head of real estate e ceo di Pictet Alternative Advisors, che ha citato i significativi investimenti avvenuti a livello tecnologico e i miglioramenti raggiunti negli obiettivi di sostenibilità e dell’hotelization del real estate. “Siamo fermamente convinti della crescita dei private asset nell’ambito di Pictet ed espanderemo significativamente la nostra attività d’investimento in quest’area nei prossimi anni”, ha aggiunto Kohalmi.

E questo potrebbe avvenire nel corso del prossimo anno: già nel 2021, infatti, Pictet dovrebbe duplicare e lanciare un secondo fondo real estate, con una strategia core.

Tornando a Elevation I, purtroppo nei suoi piani di investimento non c’è l’Italia: il fondo, che  applica una strategia value add e si prefigge di migliorare la sostenibilità degli immobili acquisiti utilizzando i programmi proptech in tutto il processo d’investimento, è focalizzato infatti sulle principali gateway city in Germania, Spagna, Regno Unito e Paesi Nordici.

Al momento ha già completato l’acquisizione di tre centri logistici last mile nell’area della Greater London (nel quadro di una strategia di costruzione di un portafoglio di hub simili in tutta Londra) e di un immobile pregiato a destinazione mista a Madrid, sulla Castellana, una delle principali location nella città, con l’ottica di migliorare la sua impronta ambientale e successivamente di darlo in locazione.

Stefania Pescarmona
Stefania Pescarmona
Direttore di We-Wealth.com e caporedattore del magazine. Ha lavorato a MF, Bloomberg Investimenti, Finanza&Mercati. Ha collaborato con Affari&Finanza (Repubblica) e Advisor
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Asset Managers Pictet real estate
ALTRI ARTICOLI SU "Asset Managers"
ALTRI ARTICOLI SU "Pictet"
ALTRI ARTICOLI SU "real estate"