PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Lyxor, le indiscrezioni sulla cessione pesano sugli Etf

Lyxor, le indiscrezioni sulla cessione pesano sugli Etf

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

02 Settembre 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Secondo il Financial Times, gli Etf della società di Lyxor avrebbero registrato deflussi per circa 7,3 miliardi di dollari nei primi sette mesi del 2019

  • Per Arnaud Llinas, head of Lyxor Etf, ha spiegato che i deflussi sarebbero dovuti alla generale fuga dall’azionario europeo e non all’incertezza sul futuro del business della società

  • Secondo indiscrezioni di Bloomberg, Société Générale starebbe valutando la possibilità di cedere o fondere la società di asset management

Gli Etf di Lyxor hanno subito deflussi per 7,3 miliardi di dollari nei primi 7 mesi dell’anno. Lo riporta il Ft, secondo cui a pesare sarebbero state le indiscrezioni sulla possibile vendita da parte di Société Générale

Gli Etf diLyxor potrebbero stare subendo il contraccolpo dei rumors secondo cui Société Générale sarebbe pronta a metterla in vendita. Secondo quanto riferisce il Financial Times, gli Etf della società di asset management avrebbero registrato deflussi per circa 7,3 miliardi di dollari nei primi sette mesi del 2019. Se l’indiscrezione fosse confermata – spiega Etfgi, società di ricerca e consulenza specializzata in Etf – si tratterebbe dei deflussi più significativi registrati quest’anno dai provider di exchange traded fund.

Secondo indiscrezioni di Bloomberg, Société Générale starebbe valutando la possibilità di cedere o fondere la società di asset management, che gestisce circa 208,5 miliardi di dollari di asset. L’asset manager con sede a Parigi fornirebbe a qualsiasi potenziale acquirente una posizione forte nel settore in rapida crescita in Europa degli Etf. Nel Vecchio Continente Lyxor si posiziona come il terzo maggiore gestore di Etf dopo BlackRock e Dws, del gruppo Deutsche Bank.

Arnaud Llinas, head of Lyxor Etf ha spiegato al Ft che i deflussi sono dovuti a un dietro-front degli investitori nei confronti dei mercati azionari europei in generale e non sono correlati all’incertezza sul futuro del business. “Quest’anno gli Etf azionari europei hanno subito deflussi per circa 15 miliardi di euro. Il mix di Lyxor è fortemente orientato verso l’azionario europeo”, ha affermato Llinas.

I deflussi potrebbero incidere sull’eventuale prezzo di vendita di Lyxor, che supervisiona un patrimonio complessivo di 150,9 miliardi di euro. Per alcuni osservatori, Amundi, JP Morgan, Ubs e Dws potrebbero essere all’acquisizione della società. BlackRock rappresenta un acquirente meno probabile, in quanto controlla già il 44% del mercato europeo degli Etf. Se rafforzasse la propria posizione in questo business attirerebbe probabilmente l’attenzione dei regolatori.

Un accordo che ha ulteriormente rafforzato la posizione dominante di BlackRock attirerebbe probabilmente l’attenzione dei regolatori per motivi di concorrenza. Le negoziazioni nel settore europeo degli Etf – che vale circa 910 miliardi di dollari – sono in aumento, visto il passaggio degli investitori dai fondi tradizionali a gestione attiva a strumenti a bassi costi di gestione, costringendo i provider di Etf a rafforzare le proprie posizioni.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.