PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Eltif: come investire nelle piccole medie imprese

Eltif: come investire nelle piccole medie imprese

Salva
Salva
Condividi
Gloria Grigolon
Gloria Grigolon

17 Novembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Guardare nel presente per scovare le storie di successo del futuro, selezionando realtà dal buon potenziale, capaci di essere il prodigio di loro stesse. Così la finanza assume i contorni di un nuovo Rinascimento, Renaissance, alla ricerca di talento e vitalità economica

In un contesto di mercato dove è sempre più difficile per le piccole medie imprese reperire risorse dal sistema bancario, le piccole aziende hanno iniziato a cercare fonti alternative di capitale, in grado non solo di garantire loro entrate capaci di promuoverne lo sviluppo, ma anche di indirizzarle sulla via della quotazione. Il Pir alternativo di Kairos, KAIS Renaissance ELTIF, si pone in quest’ottica.

Ne abbiamo parlato con Massimo Trabattoni, Head of Italian equity Kairos e Rocco Bove, Head of fixed income Kairos.

Eltif: è il momento giusto di investire in Pmi?

“Partiamo dal fatto che, quando compri midcap, non hai risultati il giorno dopo” ha esordito Massimo Trabattoni, Head of Italian equity. “L’orizzonte di investimento deve spostarsi dal medio-breve al medio-lungo termine, sia per garantire una stabilità alle aziende che vengono finanziate, sia perché il mercato non dispone di un numero molto elevato di strumenti. Mentre i fondi tradizionali non sono adatti a questo tipo di investimenti e rispondono ad un approccio di ‘guarda al lungo termine, pensa al breve,’ un posizionamento in small cap implica guardare al lungo termine pensando al lungo, tenendo presenti le difficoltà che incontrano le aziende di minori dimensioni nel reperire risorse”.

In cosa si sostanzia l’offerta di Kairos?

“KAIS Renaissance ELTIF” ha argomentato Rocco Bove, Head of fixed income “è un fondo di investimento alternativo mobiliare chiuso, non riservato, che investe in realtà imprenditoriali italiane con elevate prospettive di crescita e sviluppo, in particolare aziende non quotate con elevato potenziale (intenzionate ad aprire il proprio capitale al mercato) e società quotate con capitalizzazione inferiore ai €500 milioni. Il fondo si prefigge un obiettivo iniziale di raccolta pari a 50 milioni, da gestire per sei anni, cui si aggiungeranno altri due anni per la fase di disinvestimento e chiusura delle operazioni. In tal modo, l’Eltif crea un contesto più favorevole per le aziende alla fase pre-ipo”.

Come avviene la selezione delle aziende?

“Fatte da parte le già note considerazioni sulla profittabilità del business e le sue prospettive di crescita nel lungo periodo” ha continuato Trabattoni “le aziende selezionate da KAIS Renaissance ELTIF sono dotate di team manageriali di livello e delle giuste capacità di innovare anche in settori più maturi. Tale capacità non si sostanzia solo nell’avere nuove idee, ma anche nel possedere la capacità imprenditoriale di sperimentare modelli di business differenti con un approccio innovativo, capaci di portare l’azienda a conquistare nuove fette di mercato e accrescere le prospettive future”.

A quali esigenze risponde l’Eltif?

“In qualità di strumento chiuso, che veicola risorse dall’investitore privato al tessuto imprenditoriale” ha spiegato in chiusura Bove, “l’Eltif risponde ad una esigenza di diversificazione sia in termini
di composizione del portafoglio che temporale, guardando ad un orizzonte di lungo termine. Comportando rischi superiori rispetto a quelli medi di mercato, l’Eltif apre a maggiori possibilità di rendimento futuro, preservando dalle fluttuazioni di breve. Resta poi il vantaggio fiscale. Le persone fisiche fiscalmente residenti in Italia possono beneficiare dell’esenzione da tassazione dei proventi derivanti dalle somme investite in un Pir Alternativo (in luogo dell’applicazione dell’aliquota ordinaria del 26%) e dell’esenzione dell’imposta di successione (prodotti non conteggiati nell’attivo ereditario)”.

Articolo tratto dal numero di novembre del magazine We Wealth
Gloria Grigolon
Gloria Grigolon
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Asset ManagersPMIKairos