PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

BlueBay Am apre in Italia: tante opportunità nel reddito fisso

BlueBay Am apre in Italia: tante opportunità nel reddito fisso

Salva
Salva
Condividi
Stefania Pescarmona
Stefania Pescarmona

11 Febbraio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • BlueBay AM apre una branch a Milano destinata a servire più da vicino gli investitori italiani

  • L’abilità e la componente umana della gestione attiva saranno sempre più cruciali per la generazione di income

In un contesto di tassi zero, “bisogna ripensare il fixed income”, alla ricerca dell’alpha. Parola di Mark Dowding, di BlueBay AM, società specialista della gestione attiva, che ha annunciato l’apertura della branch di Milano

In un mondo, quello del fixed income, caratterizzato da rendimenti ultra-bassi e rischiosità più alta degli ultimi 10 -15 anni, come fare a trovare opportunità profittevoli?

La risposta arriva da Mark Dowding, partner e chief investment officer di BlueBay AM, che in occasione dell’apertura della branch di Milano della società specialista della gestione attiva, ha detto: “Il reddito fisso è un’asset class colma di opportunità di generare rendimenti, a patto che si adotti un approccio molto più attivo. Bisogna quindi ripensare il reddito fisso, con un approccio diverso, più futurista ma ben più positivo sul reddito obbligazionario”.

Mark Dowding, partner e chief investment officer di BlueBay AM
Mark Dowding, partner e chief investment officer di BlueBay AM

In questo scenario, il fixed income gestito in modo passivo non è una buona idea guardando al prossimo futuro in cui stanno ormai scomparendo i ritorni legati al mero investimento indistinto nel mercato obbligazionario di riferimento. La differenza la fa l’alpha. Ma da dove viene questo valore aggiunto? “Due sono le componenti che devono essere presenti: la presenza di volatilità nelle opportunità aperte e la capacità di usare le competenze per catturarla”, ha aggiunto Dowding, che ritiene che – complice l’invecchiamento della popolazione, i risparmiatori continueranno ad avere bisogno delle obbligazioni per preservare il capitale e ottenere rendimento. “È quindi molto più sensato assumersi un certo grado di rischio con la selezione attiva delle migliori opportunità d’investimento piuttosto che esporsi passivamente ai rischi direzionali amplificati dalla compressione senza precedenti dei rendimenti obbligazionari. Si deve perciò ripensare la gestione del rischio in termini di total return. In altre parole, c’è da chiedersi se sia realmente più rischioso investire in un CoCo bond emesso da un istituto bancario europeo di primaria importanza (tipo Intesa Sanpaolo o Hsbc, solo per citarne qualcuno, ndr) che può rendere fino al 5% o in un Bund a 10 anni che può trattare a rendimenti negativi”.

Secondo il cio di BlueBay sarà quindi necessario possedere capacità di market timing per sapersi orientare tra periodi di relativa calma del mercato e momenti in cui gli eventi politici e geopolitici rischieranno di provocare avversione al rischio.

Quanto ai temi di investimento, gli esperti di BlueBay prevedono una continuazione delle politiche espansive, soprattutto una volta che i timori legati al Coronavirus saranno passati. “In Usa, pensiamo che l’espansione proseguirà ancora nei prossimi due anni. Siamo molto positivi sui corporate bond mentre siamo molto negativi sui Treasury americani, dove favoriamo le posizioni corte così come sui Gilt britannici. Inoltre, guardiamo con interesse anche ai bond dell’Europa periferica e restiamo costruttivi nei confronti di diversi titoli sovrani e valute dei mercati emergenti ad alto rendimento”, ha spiegato Dowding.

BlueBay Asset Management, con sede a Londra e uffici in 8 Paesi, è stata fondata nel 2001 ed è posseduta da Royal Bank of Canada. Alla fine del 2019, vantava oltre 60 miliardi di dollari in gestione. Per servire più da vicino gli investitori italiani e a rafforzare ulteriormente la sua presenza in un mercato dove è già ben posizionata, la società ha aperto una branch a Milano, posizionando alla guida della nuova realtà italiana Tommaso De Giuseppe, nella sua qualità di head of sales Italy.

Tommaso De Giuseppe, head of sales Italy BlueBay AM
Tommaso De Giuseppe, head of sales Italy BlueBay AM

Il nostro paese è un mercato molto importante per BlueBay. “L’Italia conta oltre il 10% delle masse gestite dalla società, pari a più di 7 miliardi di dollari”, ha dichiarato De Giuseppe, che poi ha concluso dicendo nel 2016 hanno iniziato una collaborazione con Anima Sgr e ora puntano a stringere altre collaborazioni con  altre controparti che condividono le loro strategie.

Stefania Pescarmona
Stefania Pescarmona
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Asset Managers