PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Cosa fa di un asset manager una società di successo

Cosa fa di un asset manager una società di successo

Salva
Salva
Condividi
Livia Caivano
Livia Caivano

15 Giugno 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Quando Morningstar valuta le famiglie di fondi cerca di identificare quali aziende siano in attività per massimizzare i propri profitti e quali invece diano priorità alla relazione di fiducia con i loro investitori

  • “A nostro avviso, le imprese che mettono al primo posto gli investitori e allineano i loro interessi con i loro possessori di quote riusciranno a lungo termine”

Nella nuova edizione dello studio Fund Family 100, Morningstar individua le società più promettenti del panorama europeo. Analizzando il team di gestori, la struttura dell’azienda e il processo di investimento emergono tra gli altri, Vanguard, Comgest e Jupiter

Il rendimento del fondo in cui i nostri risparmi sono investiti non è il solo metodo per capire se la società a cui ci siamo affidati sia solida o meno. Morningstar queste valutazioni le fa – a livello professionale – da oltre 20 anni: come funziona il suo processo di screening? Quali sono i criteri che adopera nel valutare un asset manager? Ecco qualche risposta.

Nella nuova edizione di Fund Family100, uno studio che analizza le 100 società di gestione più importanti a livello europeo, gli analisti di Morningstar riportano i tre pilastri che stanno alla base dell’analysis rating e quindi predittivi del successo nell’industria dell’asset management.

  • Il team di gestori
  • La struttura dell’azienda
  • Il processo di investimento

Quando Morningstar valuta le famiglie di fondi cerca di identificare quali aziende siano in attività per massimizzare i propri profitti e quali invece diano priorità alla relazione di fiducia con i loro investitori”, si legge nel report. Certo una cosa non esclude l’altra: “A nostro avviso, le imprese che mettono al primo posto gli investitori e allineano i loro interessi con i loro possessori di quote riusciranno a lungo termine”. Un elemento chiave è la cultura aziendale, che gli analisti di Morningstar valutano con regolari visite di due diligence nelle sedi dei brand e incontri con il senior management. “Le culture aziendali più forti mostrano che il loro obiettivo è mettere al primo posto gli investitori, attirando e trattenendo professionisti in grado di realizzare questo obiettivo”. Ad esempio, un importante metro di giudizio è l’approccio alle commissioni applicate ai servizi erogati agli investitori.

Altri elementi sono la qualità della gamma di fondi dell’azienda, e le loro performance – ovviamente. La suddivisione delle attività gestite nell’azienda in diverse classi di attività, la suddivisione degli asset in gestione tra strategie attive e passive. E ancora, le commissioni dell’azienda e il modo in cui si accumulano all’interno di questo gruppo di 100 imprese, il Morningstar Sustainability RatingTM medio per i fondi nella gamma di ciascuna impresa e la percentuale di attività in fondi con rating di sostenibilità superiori alla media.

Aziende con più medaglie

Gli analisti Morningstar assegnano un giudizio qualitativo ai fondi sulla base dell’analisi del processo di investimento del team di gestione, dei costi e delle performance: queste valutazioni prendono il nome di medaglie. Quali asset manager hanno il punteggio più alto in questi termini? Partiamo da qui. Il massimo punteggio è stato assegnato a Fundsmith e Vanguard. “Fundsmith è a nostro avviso – si legge nello studio – un esempio di boutique di investimento in ottima posizione per l’eccellenza degli investimenti. Il gruppo ha solo tre strategie e la struttura delle commissioni dei fondi è ragionevole. Il personale chiave è investito in maniera massiccia nei fondi che gestisce, rendendoli ben allineati con gli interessi degli investitori”. Così per il colosso della gestione passiva. “Vanguard, uno dei maggiori gestori patrimoniali in tutto il mondo con un’impronta sempre più globale, incarna, su larga scala, pratiche favorevoli agli investitori attraverso la sua politica di commissioni a basso costo e l’approccio responsabile alla gestione della capacità del fondo. L’azienda ha anche prodotto risultati solidi, come dimostrato dai suoi eccellenti rapporti di successo, circa all’80% negli ultimi tre, cinque e 10 anni fino ad aprile 2020.

Le migliori aziende per il ruolo di manager

Il mandato medio del gestore del portafoglio è una misura della stabilità della squadra – se combianto con il livello di trasparenza dei gestori patrimoniali in merito alla divulgazione dei loro team di gestione, Comgest, Mfs e Jupiter ricevono anche un rating di pilastro superiore alla media. “Comgest si posiziona al primo e al dodicesimo posto su 100, rispettivamente per divulgazione dei dirigenti e la fidelizzazione media dei dirigenti. La sua cultura decisionale collegiale, la struttura della partnership e la filosofia di investimento orientata al lungo termine tendono a ridurre il turnover all’interno dei professionisti degli investimenti e mitigare il rischio per le persone chiave”. Mfs mostra stabilità, “con un mandato medio del manager di 8,6 anni e un basso turnover tra i gestori di portafoglio e gli analisti. La società ha creato un ambiente che aiuta a trattenere i talenti degli investimenti in cui i gestori di portafoglio tendono ad essere nostrani o scelti dal personale di analisi e rimanere per la durata della loro carriera”.

Le migliori aziende per i rating di sostenibilità

Infine, le prime 10 aziende classificate in base alla percentuale dei loro fondi che guadagnano valutazioni di sostenibilità Morningstar sopra la media includono tre società dal rating positivo: Comgest, Mfs e Jupiter. Mfs, che è anche tra le aziende con la più alta percentuale di medaglie, ha esteso il suo record come società responsabile. “Vanta uno dei migliori punteggi medi di sostenibilità del portafoglio, insieme a Columbia Threadneedle Investment e Fundsmith. Secondo la nostra analisi, la sua gamma di fondi è caratterizzata da un minor rischio legato all’Esg rispetto alla maggior parte dei peer. Mentre solo una parte dei fondi dell’azienda ha un esplicito mandato di sostenibilità, Mfs corrisponde alla solida performance Esg dei suoi principali coetanei nordici: la sua attenzione per franchising di alta qualità e crescita degli utili sostenibili in molti dei suoi fondi azionari si traducono in genere in una propensione verso le società con rating di sostenibilità superiori alla media”.

 

Livia Caivano
Livia Caivano
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Asset ManagersMorningstarEsg
ALTRI ARTICOLI SU "Asset Managers"
ALTRI ARTICOLI SU "Morningstar"
ALTRI ARTICOLI SU "Esg"