PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Parliamo un pò di finanza comportamentale

Parliamo un pò di finanza comportamentale

Salva
Salva
Condividi
we wealth
Andrea Pizzo

22 Giugno 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Paura, insicurezza, avidità, orgoglio e rammarico sono le emozioni principali sulle decisioni degli investitori

  • Le decisioni che spesso vengono prese dall’investitore sono influenzate dalle esperienze passate

La finanza comportamentale è un campo di studio che applica la ricerca scientifica nell’ambito della psicologia cognitiva alla comprensione delle decisioni economiche, e come queste si riflettano nei prezzi di mercato e nell’allocazione delle risorse

Cos’è la finanza comportamentale?

E’ una branca di economia finanza e psicologia, dove le persone non sono completamente razionali e i mercati del tutto inefficienti e quindi indaga gli schemi dei comportamenti sociali e individuali nei mercati.

Si suddivide in 5 punti fondamentali:

  1. EMOZIONI
  2. INFLUENZA
  3. ERRORI COGNITIVI
  4. INEFFICIENZE DI MERCATO
  5. PERDITE VS GUADAGNI.

Le emozioni:

Paura, insicurezza, avidità, orgoglio e rammarico sono le emozioni principali sulle decisioni degli investitori.

Soprattutto nelle fasi più movimentate dei mercati. Paura e insicurezza si evidenziano durante un andamento di mercato in forte discesa.

L’investitore non ha le necessarie conoscenze per bypassare le fasi di mercato di forte turbolenza e quindi preso dalla paura e dall’insicurezza vende generando forti perdite, oppure l’esatto opposto quando cioè i mercati spingono parecchio, non vende e vince il sentimento di avidità e orgoglio.

Si sfocia spesso nel rammarico di non aver venduto prima, quando i mercati si rigirano improvvisamente.

L’ influenza:

Le decisioni che spesso vengono prese dall’investitore sono influenzate dalle esperienze passate.

Questo errore di tipo induttivo può appunto indurre a posizionarsi sul mercato in momenti sbagliati e far perdere molti soldi, altro esempio è l’effetto gregge, fanno tutti così lo faccio anche io.

L’influenza spinge molto sulle scelte dell’investitore, molto dipende come detto prima dalle esperienze passate, ad esempio ha comprato un fondo azionario anni prima e negli ultimi anni ha avuto sempre performance negative, quindi l’investitore farà fatica a riacquistare fondi azionari a prescindere.

E’ importante anche da chi l’investitore riceve l’informazione, capita che un investitore poco informato accolga consigli piùfavorevolmente da amici che dal proprio consulente, incappando in grossi guai.

Errori cognitivi:

Spesso l’emotività agisce sulle scelte dell’investitore, come eccessiva sicurezza e ottimismo, avendo l’illusione di controllare il mercato.

Sono quegli investitori relativamente informati sulla materia e che hanno avuto successo in passato investendo sui mercati, prendendosi alti rischi (overconfidence), mettendosi nei guai nel momento in cui i mercati si girano improvvisamente oppure si necessita di un cambiamento strategico del portafoglio.

Inefficienze di mercato:

Si hanno quando i mercati si muovono in modo irrazionale e inefficiente per diverse cause, ad esempio errata valutazione dei prezzi. Sono quindi cambiamenti a livello macro.

Questo forse è il punto più complicato da gestire e capire, in quanto l’andamento dell’investimento è causato anche da fattori esterni e tecnici e l’investitore tradizionale non ha le opportune conoscenze per gestire tale andamento.

Perdite VS Guadagni:

Avversione alle perdite, una teoria molto praticata dice che l’avversione alla perdita è 2.5 volte maggiore di quella del guadagno.

Si possono avere in questo contesto acquisti quando i mercati salgono e vendite quando i mercati scendono, oppure rischiare di nuovo su di un investimento in perdita ricomprandolo ( mediando) peggiorando la situazione.

L’avversione alle perdite credo sia fra tutti il punto più “ praticato”, legato anche molto al punto uno.

L’investitore vende quando i mercati scendono perché spaventato e preso dal panico e compra quando i mercati salgono, magari anche da molto tempo, pensando che possano salire all’infinito.

In conclusione, quindi, direi che la gestione del patrimonio non è cosa semplice e l’unica arma vincente per non avere cattive sorprese è farsi seguire e gestire da Professionisti del settore, i quali sono gli attori principali all’interno del Mercato Finanziario.

Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:La voce del Wealth