PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Economia reale, una scelta di investimento consapevole

Economia reale, una scelta di investimento consapevole

Salva
Salva
Condividi
we wealth
David Volpe

19 Maggio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • In futuro saranno richieste alle società quotate politiche di bilancio più sobrie con drastica riduzione del ricorso al buyback

  • Il private equity interviene molto dopo le fasi di startup e avvio inziale dell’azienda

La liquidità messa a disposizione dalle banche centrali di tutto il mondo, ha finito per nutrire attività speculative profittevoli dal punto di vista privato ma improduttive dal punto di vista sociale

C’erano una volta i mercati finanziari, che avevano l’obiettivo di convogliare i capitali (grandi o piccoli che fossero) a sostegno di quelle imprese che creavano valore e, quindi, ricchezza ed occupazione.

C’erano una volta ma sembrano non esserci più.

 

Ultimamente, e a ragione, non si fa altro che parlare del progressivo divario che nel tempo si è creato tra finanza ed economia reale.

La liquidità messa a disposizione dalle banche centrali di tutto il mondo, con la nobile finalità di sostenere la crescita, ha finito per nutrire attività speculative profittevoli dal punto di vista privato maimproduttive dal punto di vista sociale.

E così le grandi aziende quotate (soprattutto quelle americane), piuttosto che investire in progetti di espansione e creare ricchezza e occupazione, hanno utilizzato quella stessa liquidità per acquistare azioni proprie (buyback) con il solo intento di aumentarne il prezzo e remunerare gli azionisti.

E’ lecito aspettarsi che in un prossimo futuroquesti eccessi saranno opportunamente disciplinatidai regolatori: voglio pensare che il prodigioso sostegno stanziato da banche e governi di tutto il mondo per superare l’attuale crisi, non sarà gratuito.

In futuro saranno richieste alle società quotatepolitiche di bilancio più sobrie con drastica riduzione del ricorso al buyback.

Nell’attesa che questa condizione si verifichi, già oggi l’investitore che voglia ottenere margini di profitto interessanti,  creando una ricaduta virtuosa anche sul tessuto economico sociale, ha la possibilità diindirizzare parte dei propri capitali nell’investimento in economia reale.


Scegliere, quindi, di destinare i propri risparmi per sostenere direttamente le imprese che costituiscono iltessuto produttivo del nostro paesesenza il passaggio obbligato dai mercati finanziari.

Come funzional’investimento in economia reale?Semplicemente si tratta didiventare soci finanziatori di aziende non quotate che hanno come obiettivo lo sviluppo del proprio business, attraverso prodotti di investimento specifici.

Si permette, così,al risparmiatore di diventare finanziatoredi piccole e medie imprese partecipando agli utili e allo sviluppo di quest’ultime. 

Tecnicamente stiamo parlando di“Private Equity”che, storicamente, presenta soglie di ingresso inaccessibili all’investitore individuale (250.000/500.000 €).

Grazie alla recente evoluzione delle normative finanziarie e all’innovazione perseguita dal risparmio gestito,questa forma di investimento è diventata praticabile all’investitore italiano anche con piccole somme(ho approfondito come funziona in questo post https://davidvolpe.it/private-equity-investire-nelleconomia-reale-tutti-i-motivi-per-farlo/).

Con il terminePrivate Equitysi indicanosocietà specializzate che raccolgono delle somme di capitale dai risparmiatori per poi destinarlo a imprese e attività produttive attentamente selezionate

Il punto di forza dei fondi di Private Equity è quello di non limitarsi a finanziare l’azienda ma di seguirla nel quotidiano per alcuni anni,contribuendo attivamente all’attività manageriale.

L’obiettivo dei fondi è di collaborare allo sviluppo della stessa per poirivendere la propria partecipazione con una plusvalenzaalla proprietà dell’azienda stessa, attraverso la quotazione in borsa o tramite l’unione con altre società dello stesso settore.

Ci tengo a fare un ultimo distinguo: vorrei specificare che il private equity interviene molto dopo le fasi di startup e avvio inziale dell’azienda. Vengono selezionate solo attività imprenditoriali già avvitate e stabili, come potete vedere qui di seguito.

Ovviamente il private equity, come tutti gli strumenti finanziari, non può essere l’unica destinazione del proprio capitale, ma deve essere opportunamente inserito all’interno di un portafoglio ben bilanciato e differenziato. (https://davidvolpe.it/la-diversificazione-come-proteggere-il-proprio-patrimonio/

 

Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:La voce del Wealth