PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Obiettivo: portafogli liquidi e liquidabili. Come fare?

24 Marzo 2020 · Gloria Grigolon

Pio Benetti, direttore investimenti gestioni individuali di Kairos

Brusche discese, volatilità sui massimi e ribassi generalizzati sull’intero ventaglio delle asset class: cosa sta accadendo sui mercati? Ne abbiamo parlato con Pio Benetti, Direttore Investimenti Gestioni Individuali di Kairos Partners SGR

Tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo i mercati sono tornati a fare i conti con la volatilità e con un mercato repentinamente giratosi a ribasso. La view di lungo termine ha ceduto il passo all’operatività di breve, ponendo nuovamente il tema della liquidità al centro della scena. Come si inquadrano i recenti movimenti?

“I prezzi che vediamo oggi sugli schermi non sono in alcun modo rappresentativi dei valori sottostanti. I mercati sono completamente rotti, guasti. Un evento esogeno imprevedibile che li ha resi momentaneamente illiquidi”. Per comprendere come si sia arrivati ai cali odierni è necessario tenere presente un fattore: “I mercati finanziari sono un fattore potentissimo di attualizzazione delle prospettive future: in una situazione dove l’incertezza è massima, il premio al rischio cresce esponenzialmente”.

Non solo: “I mercati si dimostrano sempre più prociclici, esasperando le tendenze di breve, soprattutto quelle negative. Ciò si evidenzia anche nella recente discesa degli asset cosiddetti sicuri, tra cui il Treasury bond americano”: anche questo comparto ha visto la liquidità asciugarsi quasi completamente “portando la Federal Reserve ad un intervento di sostegno senza precedenti nemmeno nella crisi del 2008”.

Da una parte gli asset finanziari, dall’altra l’economia reale:l’azione coordinata delle banche centrali può aiutare a tradurre gli stimoli monetari in investimenti?

“Le massicce operazioni poste in essere dalle principali banche centrali” ha precisato Benetti, “sono condizione necessaria ma non sufficiente a tenere in piedi l’attuale situazione economica”. Guardando al recente passato, “la dimensione degli interventi monetari si è sempre tradotta in una crescita economica pari ad un sottomultiplo delle misure di stimolo. La crisi che si ha davanti ora, tuttavia, è un qualcosa di diverso, dettata dall’esterno e non da fattori di tipo endogeno al sistema finanziario”.
Per far sì che i mercati tornino a crescere “va ripristinata l’economia reale, non l’economia finanziaria”.

Alla domanda, “ora come ora conta di più la leva monetaria o quella fiscale?” la risposta è quindi chiara: “la soluzione è il combinato disposto dei due interventi”.

Dal risk-off degli investitori al sell-off sui mercati:come cambia l’asset allocation in portafoglio e quali sono le scelte dei gestori in una fase di incertezza come quella attuale?

“L’elevato premio al rischio che domina oggi sui listini è lo specchio di un mercato in balia dei movimenti di breve termine”. Parlare di asset allocation oggi “è estremamente delicato, perché richiede di poter traguardare le cose su un orizzonte temporale molto ampio e saper tollerare oscillazioni dei corsi che disorientano. Vale la massima secondo la quale bisogna essere coraggiosi quando tutti gli altri hanno paura”.

In tale ottica, “il team di gestione di Kairos ha svolto un importante lavoro”, prefiggendosi come obiettivo quello di affrontare le fasi di criticità “con portafogli liquidi e liquidabili, specie per quanto riguarda la parte obbligazionaria, quella più vulnerabile agli shock di liquidità. E’ necessario” ha proseguito Benetti, “poter traghettare il portafoglio in questa fase difficile, per poter approfittare delle tante dislocazioni che i mercati presentano”.

Pio Benetti Kairos

KAIROS PARTNERS SGR
Kairos, oggi società del Gruppo Julius Baer, nasce nel 1999 come un’iniziativa imprenditoriale nel settore del risparmio gestito. Con le proprie sedi di Milano, Roma, Torino e Londra offre una selezionata gamma di servizi e soluzioni d’investimento per la clientela privata, gli operatori professionali e gli investitori istituzionali. E’ recente l’ingresso nell’azionariato di Kairos dei tre manager storici Guido Maria Brera, Massimo Trabattoni e Rocco Bove. Kairos intende posizionarsi sul mercato come leader nell’innovazione di prodotto.
www.kairospartners.com
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: