PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

In e out: i Millennials dettano le regole di domani

29 Giugno 2020 · Gloria Grigolon

Riccardo Baldissera, portfolio manager di Kairos

Ci voleva una generazione di passaggio per far sì che anche le altre generazioni riuscissero a superare alcune tendenze tradizionali ormai fuori tempo. Un esempio? La spesa da casa...

Millennials, non più solo un fattore anagrafico

“La parola più legata al concetto di Millennials è di certo digitale” ha esordito Riccardo Baldissera, gestore del comparto KIS Millennials di Kairos Partners Sgr, “che va però declinato in diversi ambiti e settori”.
In tal senso, Millennials è diventato uno stile di vita, che ha interessato non solo i nati tra gli anni ’80 e il 2000, ma anche fasce più giovani e più mature della popolazione. Dalle lezioni in aule virtuali, alla spesa online, al passatempo tra serie TV e videogiochi: Covid-19 è stato l’acceleratore di una tendenza già destinata ad attestarsi, solo a ritmi meno serrati.

Settori millennial in e settori millennial out

Partendo proprio dal recente lockdown, “ci sono settori che sono stati beneficiari di tale tendenza fin dal primo giorno: si tratta di comparti come l’e-commerce, l’e-payments, l’e-learning, lo streaming e il gaming (al cui interno ricade la categoria degli e-sports). Altri business più correlati alla mobilità e alle prenotazioni viaggi hanno invece subito pesanti cali”. Sono settori che, sebbene ora siano ancora in difficoltà, con la fine del lock-down ne usciranno da vincitori. Il tema della sostenibilità, in tal senso, giocherà a loro favore, con lo sviluppo di mobilità ecologica, infrastrutture a minor impatto ambientale e mini-mobilità (tra cui bici e monopattini).

Be responsive: social media, pagamenti digitali

“In taluni settori si registra inoltre un evidente movimento nella direzione dei Millennials, accentuatosi durante il lockdown. Negozi fisici con shop online, ristoranti e filiera del food con consegne a domicilio”: Covid-19 ha fatto sì che anche società inizialmente restie ad abbandonare il modello offline prendessero atto della situazione e provvedessero a integrare nuovi servizi. “Se inizialmente talune misure erano prese per avvicinarsi alla domanda dei Millennials” ha aggiunto Baldissera, “adesso la spinta deriva dei nuovi spiragli futuri aperti dalla pandemia. Le nuove abitudini difficilmente saranno abbandonate”.

Boomers, Gen X, Gen Y: investire nel cambiamento

Se da un lato l’integrazione digitale partita dai Millennials si è poi diffusa a tutte le fasce della popolazione, resta da vedere se le generazioni pre anni ’90 seguiranno anche altri comportamenti tipici della GenY.
“Le caratteristiche proprie dei Millennials sono diverse: attenzione ai prezzi e agli eccessi, brand awareness, sensibilità all’ambiente, sostenibilità, benessere fisico e della persona. Covid-19 ha ricordato come la salute sia uno dei temi centrali” un qualcosa che potrebbe cambiare approccio e scelte di vita quotidiana anche dei loro genitori e nonni (GenX e Baby Boomers).

La ricetta di KIS Millennials per superare la crisi

“Il trend Millennials è stato vincente negli ultimi mesi, e le quotazioni di borsa riflettono il vantaggio che le aziende già rivolte alle generazioni del futuro ne hanno tratto. Si tratta però solo dell’inizio di un trend a lungo respiro, destinato a durare nel tempo e non ad esaurirsi in pochi mesi”.

Per questo, ha continuato Baldissera, “per il nostro portafoglio continuiamo a focalizzarci su aziende che vanno nella direzione tracciata dal consumatore Millennials e che affiancano un alto livello di sostenibilità”, una strategia che ha portato KIS Millennials a chiudere il mese di maggio con una performance del +10,5% (fonte Kairos), sovraperformando in modo significativo l’indice Msci USA (+5%).

 

Riccardo Baldissera Kairos

KAIROS PARTNERS SGR
Kairos, oggi società del Gruppo Julius Baer, nasce nel 1999 come un’iniziativa imprenditoriale nel settore del risparmio gestito. Con le proprie sedi di Milano, Roma, Torino e Londra offre una selezionata gamma di servizi e soluzioni d’investimento per la clientela privata, gli operatori professionali e gli investitori istituzionali. E’ recente l’ingresso nell’azionariato di Kairos dei tre manager storici Guido Maria Brera, Massimo Trabattoni e Rocco Bove. Kairos intende posizionarsi sul mercato come leader nell’innovazione di prodotto.
www.kairospartners.com
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: