A tu per tu con Marco Ferrari: il lavoro del Recruiting Manager in Banca Widiba

Giulia Bacelle
Giulia Bacelle
22.2.2022
Tempo di lettura: 3'
Tra i percorsi di crescita in ambito manageriale in Banca Widiba spicca la figura del Recruiting Manager, consulente finanziario senior e ambasciatore della mission della rete. Una squadra in continua crescita e alla ricerca di nuovi giocatori
Il 2021 è stato un anno di successi per Banca Widiba, anche per quanto riguarda il focus del suo modello di consulenza: le persone. In un contesto in cui le reti faticano a crescere, Banca Widiba ha infatti chiuso l'anno con un bilancio positivo di consulenti finanziari (14 in più del 2020). "Non c'è una formula segreta per attrarre e mantenere i talenti, né una ricetta magica, ma un fattore costante, la colonna portante della nostra mission: l'ascolto”. Ne abbiamo parlato con Marco Ferrari, National Recruiting Manager della società.

 

Dall'ascolto alla crescita: come valorizza i talenti Banca Widiba?


Anzitutto, considerandoli come persone e non come risorse umane. Adottare questo punto di vista permette di selezionare i talenti, e non reclutarli. Per prima cosa instauriamo un dialogo costruttivo con la persona e, dopo un confronto iniziale sulle competenze e sulla professionalità, ci spostiamo sul piano dei valori, per valutare che siano affini ai nostri.
Questa attenzione al dialogo e all'ascolto attivo è proprio la qualità che contraddistingue anche i due percorsi di crescita all'interno della Rete di Banca Widiba.
Il primo è rivolto alla sfera professionale dei consulenti e punta a migliorare sempre di più le performance, a rinforzare competenze hard ma anche quelle soft, come ad esempio la costruzione del proprio personal branding, e ad approfondire l'utilizzo della piattaforma di consulenza evoluta WISE. In questo viaggio, il consulente è supportato da un programma formativo ad hoc e canali di dialogo sempre aperti con la struttura manageriale e la direzione.
Il secondo percorso è dedicato all'aspetto manageriale, ed è volto ad accompagnare i consulenti verso ruoli di crescente responsabilità che non risultano in una infinita scalata ai vertici, ma si concretizzano ben presto. In Banca Widiba, la catena è infatti corta: sono solo due le figure di coordinamento, il District Manager e l'Area Manager.
Questi due aspetti hanno riscontri concreti e vengono continuamente arricchiti e migliorati grazie ai feedback dei nostri professionisti.

 

Il ruolo del Recruiting Manager è una delle possibilità di crescita offerte da Banca Widiba. Come lo si diventa? Cosa ricercate?


Cerchiamo “ambasciatori” della nostra mission. Il Recruiting Manager è un consulente finanziario senior che, oltre ai clienti, si occupa anche di incontrare e conoscere professionisti di altre realtà, presentando il modello di Banca Widiba.
Attualmente il team è composto da 10 Recruiting Manager, oltre a me, sul territorio italiano: parte di questi sono stati selezionati dall'esterno, altri erano già nostri talenti che hanno intrapreso il percorso di crescita dall'interno e coprono l'intero territorio nazionale.
La squadra è in continua crescita. Per questo stiamo cercando professionisti competenti e appassionati e, come dicevamo, che condividano i nostri valori.
Oltre a questi due tratti, il perfetto Recruiting Manager ha alle spalle una storia importante dal punto di vista professionale che, da una parte, lo ha reso un punto di riferimento per il mercato, mentre dall'altra gli ha conferito una decisa propensione al dialogo e l'abilità necessaria a trasmettere i punti di forza del nostro modello.
Negli ultimi mesi sono stati individuati per questo particolare compito 3 Consulenti di lunga esperienza in Banca Widiba e, in particolare: Francesco Tolli, che si occuperà del reclutamento nella regione Abruzzo; Paolo Pagliaroli, per la zona Lazio Sud e Guglielmo Masiello, per la zona Campania Nord.

 

Come si concretizza l'attività del Recruiting Manager?


Oltre alla mission del supporto al cliente, il Recruiting Manager svolge attività di scouting di nuovi talenti. Questo avviene in linea diretta, grazie al network di professionisti che il Recruiting Manager si è costruito nel tempo ma anche grazie alla collaborazione di tutti i consulenti della Rete che, attraverso un sistema automatico di segnalazioni, possono indicare nuovi talenti da selezionare. Per questo il Recruiting Manager partecipa a eventi collettivi sul territorio come le fiere di settore e i meeting organizzati dalle case di gestione del risparmio. Nella sua quotidianità non è ovviamente da solo: il Recruiting Manager interagisce infatti sia con il District Manager (per l'inserimento della nuova risorsa) che con l'Area Manager (per un confronto nella strategia di selezione).

 

Quali sono le caratteristiche distintive del Recruiting Manager di Banca Widiba?


Partiamo dal dire che non tutte le reti (specie quelle più complesse) si sono dotate di questa figura, dato che solitamente la selezione avviene attraverso i manager territoriali. Tuttavia, laddove il Recruiting Manager è presente, spesso questo non ha un ruolo di coordinamento né un collegamento diretto con la direzione. Per noi è l'opposto: grazie alla struttura snella della nostra Rete, i nostri Recruiting Manager sono coinvolti, inclusi, ma soprattutto valorizzati. E, ultimo ma non ultimo, beneficiano di una formazione ad hoc: sono loro stessi a decidere e suggerire alla direzione quali temi vorranno approfondire anno dopo anno.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti