Cavalcare l’onda dell’AI con un airbag di protezione

Valeria Panigada
3.10.2023
Tempo di lettura: 3'
Prendere posizione su Tesla, Nvidia e Netflix attraverso un certificato di investimento dotato di airbag per sfruttare la corsa dell’intelligenza artificiale ma con una protezione in più. La nuova gamma di Fixed Cash Collect Certificate emessa da UniCredit prevede anche la possibilità di rimborso anticipato a partire già da marzo (con effetto step-down)

La frase del famoso investitore Warren Buffett “È solo quando la marea si ritira che si scopre chi sta nuotando nudo” è quanto mai attuale oggi, di fronte all’euforia scatenata intorno all’intelligenza artificiale (AI). Qui la marea si è alzata parecchio. Basti pensare a Nvidia, che ha fatto storia a sé a Wall Street, incassando da inizio anno un poderoso +195% (al 29 settembre). O a Tesla che da gennaio è salita di un +100%. Una corsa che però nell’ultimo mese si è fermata: Nvidia ha mostrato un -11% e il titolo della casa di Elon Musk un fiacco +0,05%, ricordandoci come nessun settore o ambito sia immune da oscillazioni di prezzo, anche forti.


LE OPPORTUNITÀ PER TE. Ha senso investire sull'intelligenza artificiale, dopo la corsa dei mesi scorsi? Come investire su questo trend? Gli advisor selezionati da We Wealth possono aiutarti a trovare le risposte che cerchi. TROVA IL TUO ADVISOR


Per proteggersi da questi movimenti improvvisi e ampi può essere d’aiuto un certificato di investimento dotato di barriere profonde e magari anche di airbag per ottenere una protezione in più sul capitale a scadenza. È questo il caso, ad esempio, dei Fixed Cash Collect Airbag Autocallable, che UniCredit ha proposto con una nuova infornata di otto certificati, scritti su un paniere di azioni italiane, europee e americane.


La nuova gamma prevede una cedola mensile fissa che va da un minimo dello 0,71% (8,52% annualizzato) a un massimo dell’0,93% (11,16% annualizzato) a seconda dei sottostanti, eccetto l’ultimo premio che è invece condizionato alla barriera, posta al 50% o 60% del valore iniziale (o strike). Oltre alla barriera profonda, a scadenza entra in gioco anche l’effetto Airbag per una protezione in più sul capitale. Questi certificate hanno una scadenza a due o tre anni (settembre 2025 o settembre 2026), ma possono scadere in anticipo già a marzo 2024 se l’azione che all’interno del paniere ha registrato la performance peggiore è pari o superiore al suo valore di rimborso. Questa soglia di rimborso parte dal 100% dello strike ma grazie al meccanismo Step-Down si riduce del 5% ogni cinque mesi fino ad arrivare al 90% dello strike, corrispondente quindi a una potenziale performance dell’azione sottostante peggiore del 10% rispetto al valore iniziale. Se questa opzione autocallable scatta, il Certificate scade anticipatamente rimborsando il valore nominale pari a 100 euro.


Il certificato su Tesla, Nvidia e Netflix per cavalcare l’onda AI con un airbag di protezione

Nella nuova gamma c’è anche il Fixed Cash Collect Airbag Autocallable scritto su Tesla, Nvidia e Netflix (ISIN: DE000HC9JA30) che permette di prendere posizione in maniera indiretta su queste tre azioni big quotate a Wall Street ed esposte al tema dell’intelligenza artificiale. Nvidia è infatti tra i protagonisti indiscussi dell’AI, essendo leader mondiale nella fornitura di chip per questa tecnologia; Tesla è diretta verso questa precisa direzione dopo il lancio di Dojo, il nuovo super computer per la guida autonoma, e anche Netflix non è da meno visto che starebbe cercando figure specializzate in intelligenza artificiale anche per la creazione dei contenuti.


Nello specifico, questo certificate paga ogni mese un premio dello 0,93% (11,16% annualizzato) fisso, ovvero indipendentemente dall’andamento dei tre titoli sottostanti. Ha una scadenza fissata a settembre 2025, ma prevede la possibilità di rimborso anticipato già da marzo 2024 con effetto step-down fino al 90% del valore iniziale.


Se però l’opzione autocallable non scatta, a scadenza, sono possibili due scenari:

- se il titolo con la performance peggiore è pari o superiore al livello barriera, posta per questo certificato al 50% del valore iniziale, l’investitore riceve l’importo nominale (100 euro) oltre all’ultimo premio dello 0,93%. Nello specifico, il livello barriera da monitorare è: 122,06 dollari per Tesla; 189,625 dollari per Netflix; 209,555 dollari per Nvidia. Al 29 settembre 2023, il peggiore dei tre risulta essere Netflix che scambia a 380,44 dollari, quindi ancora ben lontano dal livello barriera.

- se invece l’azione con la performance peggiore delle tre è inferiore al livello barriera, l’investitore riceve un valore inferiore all'importo nominale senza riconoscere l’ultimo premio. L’importo di rimborso però non seguirà linearmente la performance del sottostante peggiore ma sarà migliorativo grazie all’effetto airbag.

Di quanto? La formula per calcolarlo è la seguente: Importo di Rimborso = Importo Nominale × [Valore Finale ÷ (Valore Iniziale × Barriera %)] In pratica, la performance di rimborso viene calcolata a partire dal valore di barriera e non del valore iniziale. Un esempio può comunque chiarire meglio questo aspetto. Ipotizzando che a scadenza Netflix è il titolo dei tre con la performance peggiore con un -55% rispetto al suo valore iniziale, l’importo di rimborso sarà di 90 euro, riducendo così la perdita a un solo -10%.



Fonte: CedLab, lunedì 2 ottobre 2023

Cosa vorresti fare?