Cosa c'è dietro l'ottimismo americano?

Gloria Grigolon
Gloria Grigolon
5.8.2020
Tempo di lettura: 3'
Mentre Wall Street continua a salire, permangono alcuni interrogativi di fondo. Elevata disoccupazione, distanziamento sociale e divario digitale tra smart workers e licenziati minano la futura ripresa. Al centro dell'attenzione, le donne, che saranno anche protagoniste del virtual event T. Rowe Price ‘Investire al femminile' di venerdì 7 agosto
Occhi puntati sul mercato azionario a stelle e strisce che, seppur non ancora sui livelli pre covid, ha recuperato dai minimi di marzo circa il 43%. Sul medesimo periodo, tuttavia, l'economia americana ha registrato una netta contrazione, culminata nella prima lettura del Pil del secondo trimestre, in calo del 32,9%, e nell'innalzamento del tasso di disoccupazione, salito a maggio al 13% (colpendo per lo più donne e minoranze etniche) e assestatosi a giugno attorno all'11%.

Usa, i nuovi trend post crisi

“Se guardiamo al mercato azionario con lungimiranza, appare evidente che ci sia molto ottimismo nei prezzi, con gli investitori che già guardano a una ripresa post-crisi” ha commentato Eric Papesh, gestore di portafogli in T. Rowe Price. Un quadro, che non rispecchia però i fondamentali. “La nostra opinione è che, nei prossimi mesi e trimestri, potrebbe esserci una maggiore volatilità sul mercato azionario americano, ma molto dipenderà dagli eventuali progressi, se ci saranno, nella lotta alla pandemia”. Nel lungo termine, comunque, il disallineamento tra mercato azionario ed economia americana dovrebbe tornare a riassorbirsi.

Mercati: crolli e riprese

La resilienza mostrata dal mercato appena dopo il crollo di marzo ha portato con sé una novità: le aziende più apprezzate (per lo più nomi growth del comparto tecnologico) “non solo hanno dimostrato di essere le più resistenti durante la recessione, ma hanno anche seguito il recupero del mercato, performando meglio” ha commentato Julian Cook, gestore di portafoglio in T. Rowe Price. Normalmente, in una fase di recessione, sono proprio i titoli dalle alte valutazioni e beta elevato a crollare. In presenza dei forti stimoli monetari varai da autorità centrali e governi, la domanda chiave resta la medesima: la buona performance dei listini sottolinea un vero miglioramento dell'economia reale o è semplicemente il risultato dell'aiuto da parte delle istituzioni? “Le nostre aspettative sono ancora timide” hanno proseguito gli esperti: “Prima del 2022 difficilmente gli utili torneranno ai livelli dell'anno scorso. Riteniamo che per la ripresa ci vorrà più tempo del previsto e che uno "swoosh" (un recupero graduale) sia più probabile di un recupero a forma di V o W”. Nel frattempo, come visto, il tasso di disoccupazione negli Usa è arrivato a toccare a maggio il 13%, scendendo poi all'11% di giugno con molte aziende ancora chiuse: “questi sono segnali che non possono essere ignorati e che avranno implicazioni tanto più significative quanto più a lungo durerà questa pausa economica”.

Disoccupazione, donne e disparità

L'elevata disoccupazione, il distanziamento sociale e il divario digitale tra coloro che sono in grado di lavorare da casa e coloro che hanno visto i loro redditi distrutti dal coronavirus potrebbero inoltre determinare un peggioramento di quei progressi compiuti in tema di disparità sociale e di reddito. Secondo Mark Vaselkiv, Chief Investment Officer, Fixed Income di T. Rowe Price, la pandemia è stata particolarmente dannosa per i lavoratori a basso reddito nel settore dei servizi, molti dei quali donne e/o persone di colore. L'unemployment tra le donne al culmine della pandemia è salito al 15,5% dal precedente 4%, contro un 13% tra gli uomini. Tra le minoranze etniche, i disoccupati afroamericani sono cresciuti al 16,7%, gli ispanici al 18,9%.nCiò ha aumentato la “rabbia” verso l'ingiustizia di genere e razziale, che potrebbero influire non solo sul sentiment dei lavoratori, ma anche sulla soddisfazione dei cittadini, chiamati al voto a novembre per le prossime presidenziali americane.  

EVENTI IN AGENDA

Proprio le donne saranno protagoniste del prossimo

virtual event tenuto da T. Rowe Price

dal titolo ‘Investire al femminile: trend e consumi'

Clicca qui per registrarti all'evento

(iscrizione riservata ai soli operatori professionali)

 

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti