Private banking: in Italia cresce al doppio della velocità

Tempo
di lettura
: 5'
Secondo Prometeia e Aipb la crescita della raccolta del private banking, nel 2021, è stata nettamente superiore a quella degli altri canali

Nel 2021 la crescita del private banking in Italia è stata del 10,5%, contro il +4,5% realizzato dagli altri canali distribuitivi - secondo le previsioni di Prometeia il trend è destinato a proseguire anche nel prossimo triennio

Nel frattempo il nuovo Cda dell'Aipb ha nominato come suo presidente Andrea Ragaini (vicedirettore generale vicario di Banca Generali)

Con un incremento del 10,5% gli asset raccolti dal private banking italiano nel 2021 sono cresciuti al doppio della velocità rispetto a quella degli altri canali distributivi. E' quanto si apprende dai dati diffusi dall'Associazione italiana private banking (Aipb), contestualmente alla nomina del nuovo presidente, Andrea Ragaini. Secondo un'analisi condotta da Prometeia per Aipb, il private banking italiano è riuscito ad incrementare la raccolta in tutti i segmenti, con un aumento più deciso per la raccolta gestita (+13,6%, pari a 49 miliardi di nuove masse). Nello stesso periodo gli altri canali distribuivi hanno registrato complessivamente un incremento del 4,5%, ma il risparmio amministrato ha subito una contrazione del 15,1%.


Cresce, così, il peso del private banking nel panorama della gestione degli investimenti delle famiglie italiane (la sua quota è salita dal 28,67% al 29,82%), assicurando “una migliore performance dei portafogli della clientela attraverso un significativo sviluppo dei fondi e delle gestioni, aumentando gli investimenti diretti in capitali di rischio”, ha comunicato l'Aipb.

Nel portafogli dei clienti gestiti attraverso il private banking, ha fatto sapere l'associazione, si sono ridotti i titoli di Stato e la liquidità per fare spazio a agli strumenti assicurativi – spesso interessanti per i clienti più facoltosi a causa dei vantaggi fiscali. Questo modello di servizio, basato su “professionalità e vicinanza” ha consolidato i livelli di fiducia espressi dalla clientela raggiungendo l'84% nel 2021.

 

Le previsioni per il prossimo triennio sono caratterizzate dalla nuova fase di tensioni aperta dalla guerra in Ucraina, che ha aumentato le aspettative sull'inflazione e ridotto quelle per la crescita.

Questo si tradurrà in una propensione al risparmio ancora elevata da parte delle famiglie italiane, anche se più moderata rispetto al recente passato segnato dalla pandemia. Secondo le stime di Prometeia, la ricchezza complessiva delle famiglie italiane dovrebbe crescere mediamente del 2,4% all'anno, generando un flusso cumulato di nuova ricchezza di circa 250 miliardi nel triennio, dei quali 100 miliardi per effetto del mercato. Anche per i prossimi tre anni il trend di crescita del ramo private banking dovrebbe superare quello degli altri canali distributivi, con una crescita annua dei patrimoni al 4%, con asset gestiti che passeranno dai 1.030 miliardi del 2021 ai 1.157 miliardi stimati per fine 2024.


Aipb: Ragaini nuovo presidente


Per i prossimi tre anni il nuovo presidente dell'Aipb sarà, come detto in apertura, Andrea Ragaini, vicedirettore generale vicario di Banca Generali: lo ha deliberato nella sua prima seduta il nuovo Cda dell'associazione. Ragaini subentra, così, a Paolo Langé.
“Proseguirò con passione e impegno insieme alla squadra del Comitato Direttivo, a tutto il Consiglio di Amministrazione e allo splendido Team Aipb nel diffondere i valori del private banking, con la assoluta convinzione che la nostra industria rivesta un ruolo fondamentale per il sistema Italia, contribuendo a preservare e a far crescere una risorsa chiave del nostro Paese: il risparmio Privato”, ha dichiarato Ragaini. “Il risparmio, se ben indirizzato, può risultare determinante anche per supportare la ripresa economica italiana. Uno scopo valoriale, quindi, che mi rende ancora più orgoglioso di appartenere ad Aipb”, ha concluso.


Gli articoli pubblicati sono stati realizzati da giornalisti e contributors di We Wealth e vengono forniti a Poste Premium a scopo informativo.


LEAD - APPROFONDIMENTO


X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti