Crisi climatica: il boom della bicicletta non si fermerà, le previsioni

Tempo di lettura: 3'
La riscoperta della bicicletta come mezzo per spostarsi è solo all’inizio. Secondo Pictet AM, infatti, si tratta di un mercato che crescerà ancora. Ecco perché

Da cenerentola dei mezzi di trasporto a posto d’onore nella nuova era di mobilità post-Covid. È la bicicletta che sta raccogliendo sempre più consensi. Se nel 2019 in Italia solo 4 persone su 100 la usavano, ora circa 25 persone su 100 la utilizzino in modo regolare (dati Legambiente, maggio 2022). Un trend in crescita che non si fermerà presto. Se infatti la spinta iniziale è arrivata dalla pandemia, che ha fatto nascere il desiderio di evitare mezzi pubblici, spesso affollati, il suo utilizzo è sostenuto oggi da diverse tendenze, tra cui una maggiore attenzione al benessere personale, una più spiccata sensibilità alle questioni ambientali e, non da ultimo, alle politiche nazionali, volte a favorire una mobilità leggera per combattere la crisi climatica.

Bicicletta, il boom non si fermerà

Il mercato delle biciclette non è mai stato completamente fermo, ma è stato soprattutto con la pandemia che la corsa ai pedali ha avuto una rapida accelerazione. Nel 2019 il mercato globale della bicicletta valeva 65,4 miliardi di dollari e l’anno successivo, nel 2020, è balzato a 97,2 miliardi di dollari, evidenziando un boom del 50%, secondo Fortune Business Insights. Ed è solo l’inizio. Le attese infatti sono per un mercato che raggiungerà circa 147,2 milioni di dollari entro il 2027. Ma l’impatto economico potrebbe essere ancora più ampio, se si considera non solo la vendita delle biciclette, ma anche il business degli accessori o l’indotto dei vari servizi, come quelli del bike sharing e del turismo ciclabile.

Anche Pictet Asset Management è di questo parere, guardando alle politiche governative incentrate sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg): i governi hanno infatti abbracciato una rivoluzione verde, ponendo sempre più attenzione alle tematiche green. E la mobilità sostenibile ne fa sicuramente parte. L’Italia, ad esempio, sta adottando diverse misure per incentivare l’uso delle biciclette: non solo con il bonus bici, ma anche grazie ai 150 milioni di euro in fondi stanziati dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) per rafforzare la mobilità ciclistica. Non solo.

Anche un’offerta sempre più ampia e variegata di modelli e soluzioni ne incentiva la domanda e l’utilizzo. Ne è un esempio la bicicletta elettrica, che permette un uso comodo anche per distanze più lunghe in città, senza la necessità di avere un allenamento alle spalle.



Clicca qui per scoprire di più

La redazione vi consiglia altri articoli

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti