La Cina agisce in anticipo: 6 grafici per capire perché

Tempo di lettura: 3'
Tramite sei grafici, gli esperti di Carmignac espongono la loro view sul futuro della Cina e le ripercussioni sulla crescita economica globale
La Cina potrebbe essere in anticipo sul ciclo globale. “Prosegue il fenomeno della desincronizzazione dei cicli economici e delle politiche economiche”, sostengono gli esperti di Carmignac. Ciò porterebbe a una dinamica di fasi economiche contrapposte tra Cina e Stati Uniti su fronti rovesciati alla fine del 2022. La Cina potrebbe infatti attraversare una fase di rilancio e riaccelerazione, mentre gli Stati Uniti si potrebbero trovare ancora in un periodo di rallentamento e di normalizzazione delle politiche economiche. Scopriamo cosa sta accadendo al Dragone con 6 grafici.

 

La Cina agisce in anticipo: 6 grafici per capire il perché


 

1. Il taglio dei tassi di interesse


La Cina ha avviato il suo ciclo di allentamento delle politiche monetarie. Lo scorso dicembre, infatti, la Banca popolare cinese ha tagliato il tasso di riferimento dei prestiti per la prima volta da aprile 2020, in controtendenza rispetto ad altre grandi banche centrali globali, impostate per aumentare i tassi. L'obiettivo è supportare l'economia attraverso un sostegno di bilancio e mantenere un buon livello di crescita, mentre il resto del mondo starà limitando la propria politica monetaria. Ciò potrebbe sostenere un rimbalzo nella crescita globale nell'ultimo trimestre del 2022, a seguito di un rallentamento nel terzo trimestre.


Fonte: Carmignac Annual Meeting, 2022


 

2. La difficoltà di una politica “zero Covid”


La diffusione della variante Omicron ha reso economicamente costosa la politica “zero Covid” adottata dal governo cinese. Diverse città e regioni, infatti, stanno affrontando lockdown più o meno rigidi e il trend risulta difficilmente invertibile, almeno prima che il vaccino mRna domestico diventi disponibile nel terzo trimestre del 2022 (se la fase III ha successo). Capodanno cinese e Olimpiadi potrebbero non giocare a favore.


Fonte: Carmignac Annual Meeting, 2022


 

3. L'edilizia abitativa frena la crescita


Il settore dell'edilizia abitativa potrebbe continuare a rappresentare un vento contrario alla crescita del Prodotto interno lordo (Pil) nel primo trimestre. Alla radice di questo freno vi sono le politiche monetarie adottate dalla Banca popolare cinese nel 2021, quando questa, anticipando di un anno le banche centrali occidentali, ha ridotto la liquidità per le società immobiliari.


Fonte: Carmignac Annual Meeting, 2022


 

4. Il riequilibrio delle esportazioni


Le esportazioni hanno fornito un forte contributo alla crescita nel 2021, ma potrebbero affrontare dei rischi al ribasso nel 2022. Dall'inizio della pandemia, le famiglie occidentali hanno accelerato la domanda di beni, in particolare elettronici. “Ci sarà sicuramente una fase di riequilibrio, dai consumi di beni ai consumi di servizi, con un conseguente impatto negativo su questi settori”, affermano gli esperti. Nella fase di rallentamento, infatti, potrebbero verificarsi diverse cancellazioni di ordini, che si tradurrebbero in un rallentamento e un ciclo recessivo delle scorte.


Fonte: Carmignac Annual Meeting, 2022


 

5. L'allentamento della politica monetaria


L'allentamento delle politiche monetarie dovrebbe accelerare ulteriormente nel primo semestre. Durante la riunione del Politburo (ufficio politico del Partito comunista cinese) e la conferenza Cewc (Central economic work conference), entrambe tenutesi a dicembre 2021, è stata adottata una chiara posizione di allentamento per il 2022. Tale approccio si estenderà anche alle politiche fiscali: nel quarto trimestre 2021 sono stati infatti concessi 1,5 mila miliardi di renminbi per l'acquisto di Special LG bond, da effettuare nel primo trimestre 2022.


Fonte: Carmignac Annual Meeting, 2022


 

6. L'allentamento della politica fiscale


l doppio taglio del Rrr (reserve requirement ratio) e dei tassi ufficiali Omo (Open market operation) e Mlf (Medium-term lending facility), avvenuto tra dicembre 2021 e gennaio 2022, potrebbe ripetersi dopo le Olimpiadi, il cui inizio è in programma per il 4 febbraio. “Ci aspettiamo un allentamento fiscale maggiore (infrastrutture, tagli alle tasse), che potrebbe già essere annunciato all'Npc (Congresso nazionale del popolo) il prossimo marzo”, concludono gli esperti.


Fonte: Carmignac Annual Meeting, 2022

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti