Sovraperformare il mercato con le borse valori

Giulia Bacelle
Giulia Bacelle
9.3.2021
Tempo di lettura: 3'
Le borse valori stanno attraendo gli investitori in virtù della loro solidità e della loro attrattività sia per strategie orientate alla crescita che al reddito
È il settore finanziario a trainare i mercati in questi primi mesi del 2021, sulla scia del sentiment positivo di una ripresa post Covid innescata dai piani di stimolo e dell'attesa rotazione a favore dei titoli ciclici. Ma se sono spesso banche ed assicurazioni a dominare il settore dal punto di vista mediatico, sono piuttosto le borse valori a catturare l'attenzione degli investitori, dopo essersi distinte nello scorso anno per crescita costante e distribuzione di dividendi.

L'Hong Kong Exchanges and Clearing Limited (HKEX), ad esempio, nel 2020 ha celebrato i suoi vent'anni come società quotata pubblicamente registrando ricavi da record, con 14,091 milioni di dollari statunitensi tra gennaio e febbraio: una performance da +12% anno su anno. Il London Stock Exchange Group (LSE), invece, ha riflettuto la resilienza del mercato britannico: con un incremento del 3% rispetto all'anno precedente, la società ha registrato ricavi per 2,1 miliardi di sterline.


Fonte: Capital Group.

Dal 2005 al 2020, le più importanti borse valori mondiali hanno sovraperformato il mercato generale. Le borse valori sono società solide che offrono caratteristiche interessanti sia per i portafogli orientati alla crescita, sia per quelli orientati al reddito”, spiegano William Pang, Analista degli investimenti azionari, e Marc Nabi, Direttore degli investimenti di Capital Group. Ecco perché.

I fattori della sovraperformance


Le borse valori sono società che “presentano generalmente elevate barriere all'ingresso, margini elevati, ridotte esigenze di spesa in conto capitale e robusti flussi di cassa disponibili”. Tuttavia, al contrario delle banche tradizionali, che negli ultimi mesi sono state penalizzate dai tassi ultra-bassi e dal rallentamento dell'economia globale, “queste realtà hanno distribuito capitale in abbondanza agli azionisti e i titoli della maggior parte di loro generano rendimenti”, spiegano Pang e Nabi.

Una delle caratteristiche principali che ha consentito alle borse valori di performare bene nonostante la crisi è il fatto che i volumi di scambi possono impennarsi sia durante i periodi di rialzo che durante quelli di ribasso dei mercati. Non solo: “al contempo, i ricavi ricorrenti derivanti da servizi secondari forniscono alle borse un cuscinetto che permette loro di mantenere o aumentare i dividendi”.

Le borse valori, 20 anni di trasformazioni


Nel corso degli ultimi vent'anni, le borse valori di tutto il mondo hanno subito una trasformazione radicale. Qualche differenza? Da status di servizi di pubblica utilità, ad esempio, le borse valori sono oggi società commerciali quotate su un mercato regolamentato. Anche la modalità di negoziazione è cambiata, dalle sale affollate alle piattaforme online ad alta velocità. I trading algoritmico e quantitativo hanno inoltre prodotto un vero e proprio boom di dati, favorendo la digitalizzazione del settore. Nel frattempo, sono state diverse le ondate di consolidamenti tramite acquisizione o fusione. Infine, il numero degli investitori è aumentato in tutto il mondo, incrementando i volumi delle negoziazioni operate sia da investitori retail che da investitori istituzionali.

La crescita è soprattutto in Asia


Capital Group rimane positivo sulla prospettiva futura del settore, nonostante “la crescita organica potrebbe rallentare in considerazione del fatto che la transizione al trading elettronico è già stata ampiamente completata”, spiegano Pang e Nabi. Gli occhi sono puntati soprattutto in Asia, dove le borse valori sono “al centro dei mercati finanziari pubblici, che stanno registrando un'espansione e fornendo impulsi per una crescita strutturale”.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti