L'antidoto contro l'inflazione? Aumentare i prezzi senza perdere i clienti

Giulia Bacelle
Giulia Bacelle
2.11.2021
Tempo di lettura: 3'
Nel corso del prossimo anno, il potere di determinazione dei prezzi potrebbe costituire un vantaggio competitivo per le aziende
Un antidoto contro l'inflazione crescente? Secondo Diana Wagner, Gestore di portafoglio azionario di Capital Group, sarà “la capacità delle società di aumentare i prezzi senza perdere i clienti”, che “nel prossimo anno potrebbe costituire un vantaggio competitivo per le aziende”. Con inflazione in ascesa e dubbi circa la sua temporaneità, l'aumento dei costi potrebbe incidere sui rendimenti degli investitori erodendo i margini di profitto di una società. Tuttavia, “quelle con un potere di determinare i prezzi chiaro e sostenibile potranno proteggere i propri margini di profitto trasferendo tali costi sui clienti”. Ecco qualche esempio dal mercato azionario statunitense.

Il potere di determinazione dei prezzi: i settori favoriti


1. Servizi di assistenza sanitaria


“Gli elevati costi medici sono sempre un tasto dolente per il governo statunitense, e per un buon motivo”, afferma Wagner. Negli ultimi 20 anni, i costi sanitari sono infatti aumentati con un ritmo di 2,5 volte superiore al tasso di inflazione generale, così come misurato dall'indice dei prezzi per la spesa per i consumi personali (Core personal consumption spending, Pce) così come indicato dalla Federal reserve degli Stati Uniti. “Storicamente, le compagnie di assicurazione sanitaria hanno un potere di determinazione dei prezzi e hanno scaricato l'aumento dei costi sanitari sui loro clienti attraverso premi più elevati”.

2. Semiconduttori


“La storia del potere di determinazione dei prezzi nel settore dei semiconduttori è semplice: l'impennata della domanda incontra un'offerta limitata”, spiega Wagner. Dai computer agli smartphone, dalle automobili agli elettrodomestici, oggi l'industria dei semiconduttori sperimenta un consolidamento che ha “trasformato il panorama competitivo, lasciando solo alcuni attori dominanti con un potenziale potere di determinazione dei prezzi in aree specializzate del mercato”, che potrebbe incrementare man mano che l'implementazione di nuove tecnologie come il 5G, l'intelligenza artificiale e il cloud computing alimenteranno ulteriormente il fabbisogno di chip a livello mondiale”.

3. Il beverage


“Nell'industria del food&beverage, le aziende produttrici di bevande tendono a scaricare sui consumatori l'aumento dei costi con più facilità rispetto a molte aziende alimentari”, aggiunge Wagner. Il motivo? La presenza di alcuni opertori con un forte riconoscimento del marchio.

4. Videogiochi


Con un potenziale incremento del fatturato annuo entro il 2025 fino a 225 miliardi di dollari, il settore globale del gaming “è uno dei segmenti in più rapida crescita del comparto dell'intrattenimento multimediale a livello mondiale”. I principali produttori hanno iniziato a fare leva sul loro potere per aumentare i prezzi dei giochi per console per integrare i costi di creazione di videogiochi più sofisticati, o di quelli free-to-play, i cui prezzi possono essere aumentati con l'aumentare dei costi e attraverso gli acquisti all'interno del gioco. “Che voi ci crediate o no, i giocatori spendono soldi veri in abbigliamento, armi e altri materiali virtuali per i loro personaggi di gioco. Essenzialmente, i leader del settore possono stabilire il prezzo per tali articoli a loro piacimento”, conclude Wagner.

 

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti