Come la bioscienza può aiutare a proteggere la biodiversità

We Wealth
BNP Paribas Asset Management, Ulrik Fugmann, Senior Portfolio Manager-Edward Lees, Portfolio Manager
29.7.2022
Tempo di lettura: 3'
L'industrializzazione si è spesso basata su soluzioni chimiche, che hanno però aggravato la situazione ambientale e della biodiversità. Capiamo meglio come la biologia può essere utilizzata per affrontare alcune fra le più grandi sfide dell'umanità

L’industrializzazione si è spesso basata su soluzioni chimiche per affrontare problemi biologici. Ciò è particolarmente rilevante in tre delle principali industrie del mondo: la nostra capacità di produrre e preservare il cibo, la necessità di difendere il nostro bestiame dalle malattie e la necessità di salvaguardare la salute umana.

Tali soluzioni chimiche hanno spesso aggravato le sfide ambientali e della biodiversità – in particolare nella catena di approvvigionamento alimentare. Tuttavia, gli sviluppi innovativi nella bioscienza sono destinati a trasformare queste industrie in modo significativo dal punto di vista ambientale. In qualità di portfolio manager nel settore ambientale, la nostra interazione con le aziende leader ci aiuta a rimanere aggiornati sulle ultime tendenze, l’innovazione e le opportunità di crescita nello spazio ambientale.

Uncapped Impact Series mira a condividere le informazioni che otteniamo da queste conversazioni. In questa puntata, noi di BNP Paribas Asset Management, approfondiamo il regno della bioscienza con il Dr. Andrey Zarur, CEO e co-fondatore di GreenLight Biosciences, per capire meglio come la biologia può essere utilizzata per affrontare alcune delle più grandi sfide dell’umanità.


Utilizzare soluzioni biologiche per affrontare problemi biologici

Un punto di partenza fondamentale per l’azienda è stato quello di verificare se i prodotti petrolchimici siano necessari così frequentemente per affrontare i processi biologici. La dipendenza dai prodotti petrolchimici sembra contro-intuitiva quando la biologia può offrire soluzioni sostenibili, pulite ed efficaci. Andrey dice: “Abbiamo dato vita a GreenLight Biosciences come mezzo per creare una piattaforma in cui potremmo sviluppare soluzioni biologiche per affrontare i molti problemi biologici che abbiamo di fronte come specie, che naturalmente comprendono la produzione del cibo, la lotta alle malattie, la conservazione dell’ambiente e la promozione della biodiversità”.

Il viaggio è stato lungo e arduo. Andrey ci dice che per usare la biologia per produrre un insetticida, ad esempio, devi davvero capire cosa serve sia a livello molecolare che genetico. Tali materiali devono poi essere resi accessibili.


La sfida dell’RNA

L’acido ribonucleico, comunemente noto come RNA, è la chiave del loro approccio. RNA serve come traduttore o messaggero che interpreta il codice genetico per ogni organismo vivente sul pianeta e dice loro cosa fare e come comportarsi. Andrey spiega, “è in realtà il regista che racconta alla vita come formare, come prosperare, come crescere. E così, la capacità di utilizzare RNA in un processo biologico ti dà un controllo portentoso su quella particolare forma di vita.

La scienza sa da decenni che l’RNA potrebbe essere utilizzato per fornire soluzioni biologiche efficaci – come il controllo dei parassiti- ma la sfida è stata quella di renderlo economico e ampiamente disponibile. Secondo Andrey, quando GreenLight Biosciences ha iniziato la sua attività, l’RNA è costato migliaia di dollari al grammo perché è stato prodotto chimicamente, il che significa che le soluzioni a base di RNA per l’agricoltura non sono mai state praticabili a quel prezzo.

Andrey e il suo team hanno raccolto questa sfida e dopo otto anni di rigorosa ricerca scientifica trovato un modo per produrre RNA su ampia scala. Le scoperte che hanno reso possibile il loro lavoro hanno cambiato le regole del gioco. Dice, “All’improvviso hai qualcosa che è efficace come un prodotto chimico, economico come un prodotto chimico e può essere prodotto sulla stessa scala.


Riduzione della perdita di cibo

La produzione alimentare è stata la loro prima sfida, e questo non potrebbe essere più attuale. Circa 1,2 miliardi di tonnellate di cibo vanno persi nelle aziende agricole, che contribuiscono a 2,2 tonnellate di gas serra, ma con la popolazione globale in crescita la domanda di cibo è in aumento mentre la guerra in Ucraina ha creato problemi di sicurezza alimentare e alimentato l’inflazione per i beni di prima necessità, come il grano.

Un modo semplice per affrontare questa sfida è ridurre la perdita di cibo. Il 40% della produzione alimentare va sprecata ogni anno a causa di parassiti, funghi, agenti patogeni, ecc. Una migliore protezione per le fonti alimentari, con meno effetti collaterali ambientali indesiderati rispetto alle attuali soluzioni chimiche, avrebbe un profondo impatto sulla biodiversità, sul cambiamento climatico e sulle forniture alimentari.

Andrey delinea come una nuova generazione di metodi di controllo dei parassiti basati sull’RNA non solo promuoverà la sicurezza alimentare, ma lo farà in modo sostenibile, pulito e sano per l’ambiente. Dice: “Non solo fermiamo i parassiti dal mangiare il cibo, ma vogliamo preservare la biodiversità in modo che la terra possa continuare ad essere produttiva per le generazioni a venire”.


La precisione dell’RNA

Il vantaggio dell’RNA rispetto alla chimica è che può essere estremamente specifico e progettato per fermare i processi fondamentali dei parassiti, mentre resta innocuo per tutti gli altri insetti e la biodiversità nello stesso ambiente – come i fondamentali impollinatori. “Funziona a livello molecolare, e possiamo adattare i segnali per essere incredibilmente precisi per fermare il parassita che siamo interessati a fermare e nient’altro”, spiega Andrey.

Un ulteriore vantaggio è la resistenza. Mentre il pianeta diventa più caldo, molti funghi stanno diventando sempre più resistenti ai fungicidi chimici. Tuttavia, le soluzioni RNA forniscono un nuovo strumento che può essere diretto a un numero illimitato di nuovi obiettivi. Andrey dice: “Non solo è sicuro ed efficace, è anche compatibile con tutto ciò che gli agricoltori sono abituati a fare. Il contadino può usarlo nel trattore proprio come qualsiasi sostanza chimica. Però non è un prodotto chimico, è biologico “.

Andrey ritiene che alla fine tutte le sostanze chimiche nella nostra catena alimentare potrebbero essere sostituite da soluzioni biologiche – fertilizzanti, stimolanti per le piante e così via – tutte altamente specifiche e sostenibili.


Salute umana e oltre

L'RNA non sarà solo trasformativo per la produzione alimentare. Andrey prevede che questa tecnologia sarà utilizzata per quasi tutte le principali categorie di attività umane.

L’RNA è stata la tecnica utilizzata per creare rapidamente vaccini Covid, e vaccini per la protezione contro altre malattie infettive e malattie, come il cancro, sono in fase di sviluppo. Terapie basate sull’RNA sono in cantiere, il che potrebbe avere un impatto drastico sui disturbi cronici e genetici. Andrey predice che “l’RNA sarà una categoria importante nella salute umana quanto le terapie proteiche o le terapie geniche. Sarà una delle principali categorie di prodotti per la salute umana nel prossimo decennio.

Questa tecnologia non solo porterà progressi per la salute umana, ma può anche essere ampiamente utilizzata nel benessere degli animali, dalla protezione del bestiame alla lotta contro i parassiti domestici – il potenziale è infinito.


Necessità di finanziamento paziente

Affinché le soluzioni basate sulle bioscienze raggiungano il loro potenziale per affrontare i molti problemi urgenti del pianeta, è necessario un finanziamento aggiuntivo e la gestione patrimoniale ha un ruolo importante da svolgere. Come afferma Andrey, “le soluzioni che stiamo cercando di portare sul mercato ora sono necessarie”.

Riconosce che il finanziamento necessario per la sua azienda deve essere paziente e di lunga durata, poiché i cambiamenti fondamentali nel modo in cui coltiviamo cibo e creiamo sicurezza alimentare a livello globale non accadranno da un giorno all’altro. Dice: “Vorremmo che potesse accadere in un quarto del tempo. Ma la realtà non solo richiede una scienza nuova di zecca, richiede anche un cambiamento fondamentale nel comportamento a livello globale. Questo è qualcosa che stiamo cercando di influenzare nel corso degli anni, se non decenni. E quindi, abbiamo bisogno di investitori che siano profondamente allineati con la creazione di valore a lungo termine che queste nuove soluzioni innovative possano portare sul mercato.

Andrey ritiene che l’industria dell’asset management e i mercati dei capitali possano svolgere un ruolo importante nella lotta al cambiamento climatico non solo fornendo il capitale operativo necessario, ma anche offrendo ad altri investitori un prezioso voto di fiducia. E riconosce che essere redditizi è importante per tali investitori, ma che lo è anche la capacità di dimostrare un impatto misurabile. Come molti investitori, dice di non volere che i suoi “soldi vadano a qualcosa che funzionerà per il prossimo trimestre, ma potrebbe sacrificare il futuro dei miei figli”.

Come GreenLight Biosciences, stiamo lavorando verso un futuro dove ognuno ha cibo da mangiare, accesso alla medicina e la capacità di vivere in un mondo in pace e armonia. Ecco perché continuiamo a cercare quelle aziende impattanti che sostengono gli ecosistemi attraverso la creazione di soluzioni pulite e sostenibili ai problemi del mondo. Tali aziende hanno il potenziale per influenzare il cambiamento reale e salvare vite umane, e supportandole siamo orgogliosi di essere una parte fondamentale di questo viaggio.

We Wealth
BNP Paribas Asset Management, Ulrik Fugmann, Senior Portfolio Manager-Edward Lees, Portfolio Manager
La redazione vi consiglia altri articoli

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti